Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 09:48

Omicidio nel Barese, preso presunto assassino

Giuseppe De Lucia, 43 anni, ex contrabbandiere barese, è ritenuto il presunto autore dell'assassinio del 42enne foggiano Rosario Cognetti, avvenuto domenica mattina a Bisceglie
BISCEGLIE (BARI) - Dopo aver tentato la fuga a Venezia, era ritornato nella «sua» zona, accolto da un amico. E proprio in casa dell'amico fidato, a Triggiano, è stato intercettato e arrestato dai carabinieri del Nucleo operativo del Comando Provinciale dei carabinieri e della tenenza di Bisceglie Giuseppe De Lucia, 43 anni, ex contrabbandiere barese, ritenuto il presunto autore dell'assassinio del 42enne foggiano Rosario Cognetti, avvenuto domenica mattina a Bisceglie.
L'uomo, che era stato identificato e braccato già dall'alba di domenica, è riuscito solo per quattro giorni a sfuggire ai carabinieri. In questo periodo, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, avrebbe tentato di raggiungere anche Venezia, in treno. Proprio sulla «strada» del capoluogo veneto si sarebbe liberato della pistola, la semiautomatica «7,65», con la quale avrebbe trucidato il suo rivale in amore, Rosario Cognetti, davanti alla casa della sua ex amante, nella zona residenziale del «Salsello» a Bisceglie.
Ai carabinieri che hanno fatto irruzione a Triggiano, all'interno dell'appartamento del suo amico, anche lui già noto alle forze dell'ordine, De Lucia non ha opposto alcuna resistenza. Subito interrogato a Bisceglie dai militari e dal pm Achille Bianchi - che ha sostituito nel coordinamento delle indagini il collega Ettore Cardinale - ha raccontato di aver trascorso i giorni di fuga in casa di parenti, dopo aver raggiunto Venezia, dove però non aveva trovato «appoggi» sicuri.
Sul movente del delitto gli investigatori non hanno dubbi: De Lucia era accecato dalla gelosia. Nella loro ricostruzione, l'uomo aveva avuto un relazione lunga con la donna biscegliese e poche ore prima del delitto aveva affrontato la sua ex e Cognetti nello stesso residence di Bisceglie, ed aveva avuto un primo battibecco. Alle cinque del mattino di domenica, ha bussato alla porta della sua ex amante ed ha aggredito Cognetti. Dopo la collutazione, i due rivali erano usciti dalla villetta e qui De Lucia avrebbe estratto la pistola e scaricato il caricatore contro Cognetti, freddandolo. Poi quattro giorni di inutile fuga prima dell'arresto.
Paolo Pinnelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione