Cerca

Domenica 21 Gennaio 2018 | 09:58

Bari - Alle europee si afferma D'Alema

Con 76.821 preferenze, ha staccato di parecchio Silvio Berlusconi (63.581) e Gianfranco Fini (50.915). Comunali: tra le possibilità (sindaco eletto al primo turno, ballottaggio) anche un Sindaco con un numero insufficiente di consiglieri
BARI - Mentre è incominciato lo spoglio delle schede per l'elezione di Presidente e Consiglio provinciale, sulle Comunali aleggia l'ombra dell'anatra zoppa. Tra le possibilità (sindaco eletto al primo turno, ballottaggio) c'è anche il caso che dalle urne emerga l'indicazione di un Sindaco con un numero insufficiente di consiglieri. La legge, in questi casi, prevede l'immediato scioglimento del Consiglio e i baresi tra sei mesi potrebbero essere richiamati alle urne.
La fluidità della politica, però, potrebbe ricomporre le crepe eventualmente lasciate dai numeri.
E parlando di numeri, al momento, gli unici certi sono quelli relativi alle preferenze espresse da chi ha votato a Bari e provincia per le Europee.
Se è vero, come forse direbbe Enrico Cuccia, che i voti si pesano e non si contano, allora è certamente notevole l'affermazione di Massimo D'Alema: con 76.821 preferenze, ha staccato di parecchio Silvio Berlusconi (63.581) e Gianfranco Fini (50.915). Nella hit seguono l'europarlamentare diessino uscente e ricandidato Enzo Lavarra (47.664), il giornalista Michele Santoro (38.547) e il professor Giovanni Procacci (28.918). Seguono, in seno a Forza Italia, l'ex Presidente della provincia di Bari, Marcello Vernola (26.380) e, in Alleanza Nazionale, i ministri Giovanni Alemanno (22.988) e Maurizio Gasparri (20.368) e Salvatore Tatarella (19.112).
Tra chi ha ottenuto preferenze a 5 cifre, poi, seguono:
Nichi Vendola, Rif. Comunista, con 14.435 voti;
Antonio Matarrese, Udc, 14.185;
Giovanni Copertino, Udc, 13.054;
Fausto Bertinotti, Rif. Comunista, 10.803.
Tra le curiosità c'è da dire che nelle fila della Lega Nord 110 elettori del Barese hanno dato la loro preferenza a Umberto Bossi e ben 198 a Flavio Chiereghin. I meridonalisti komeinisti saranno rinfrancati, però, dal dato di Alleanza Lombarda: soltanto 5 le preferenze assegnate alla totalità dei 16 candidati.
Infine, nel Barese hanno votato 931.203 persone sui 1.313.576 che ne avevano diritto. I voti validi, però, sono stati soltanto 800.148: 131.055 le schede non valide, di cui bianche 70.203 e nulle 60.852.
Passando a quanto è accaduto al livello di Circoscrizione Meridionale: Ventuno sono state le liste presentate ma dei 19 seggi da attribuire ne sono stati assegnati soltanto 17. La Circoscrizione del Sud, infatti, ne ha persi due a vantaggio del Nord.
I seggi assegnati sono così suddivisi:
5 a Uniti nell'Ulivo, 3 a Forza Italia, 3 ad AN, 1 a Udc (a Lorenzo Cesa), 1 a Rifondazione Comunista (a Fausto Bertinotti), 1 all'Udeur (a Mastella), 1 ai Socialisti Uniti (De Michelis), 1 alla lista DiPietro Occhetto (a Di Pietro), 1 a Fiamma Tricolore .
Marisa Ingrosso

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400