Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 19:39

Lezioni via Internet dalle Tremiti

L'interessamento di un preside, la tenacia di una mamma, un sistema informatico disponibile e Arturo di 11 anni ha seguito un intero anno scolastico presso la scuola media Ungaretti di Manfredonia (Foggia) senza muoversi dalla sua isola, quella di San Domino, nelle Tremiti
ISOLE TREMITI (FOGGIA) - L'interessamento di un preside, la tenacia di una mamma, un sistema informatico disponibile gratuitamente: sono questi elementi che hanno consentito ad Arturo, un bambino di 11 anni, di seguire i corsi della scuola media Ungaretti di Manfredonia (Foggia) senza muoversi dalla sua isola, quella di San Domino, nelle Tremiti.
La sperimentazione che si è appena conclusa è la prima in Italia di questo tipo ed è stata possibile grazie all'impegno del preside, Ettore Palomba, della mamma del bambino, Giusi Nocera, e del sistema informatico messo a disposizione da Ds Group, un'azienda che di solito si occupa del mondo del business e della sanità: così Arturo Santoro dal marzo scorso ha potuto comunicare a distanza, dal vivo, con docenti e compagni.
Il sindaco delle Isole Tremiti ha reso disponibile un locale della scuola elementare sull'Isola di San Domino; il preside dell'Ungaretti ha permesso l'installazione delle apparecchiature e ha coinvolto al suo uso il personale docente della classe 'prima F'; Ds Group ha fornito e installato un sistema a base Internet. Si tratta di un sistema composto da telecamere e personal computer, da connessioni Internet e dal software che ha permesso il dialogo tra Arturo e i docenti in aula.
L' esperienza è stata presentata oggi nella sede del Comune delle Isole Tremiti (Isola di San Nicola), alla presenza delle autorità locali, dei rappresentanti del ministero per la pubblica istruzione, dei vertici di Ds Group, e di una rappresentanza del corpo docente. L'incontro, coordinato dal preside della scuola media Ungaretti, Palomba, è stata l'occasione per tracciare un bilancio sull' iniziativa.
«Il caso presentato è esemplare - ha detto il presidente di Ds Group, Romeo Quartiero - Arturo era l' unico alunno sull'isola di San Domino iscritto alla prima media e sembrava ci fossero solo tre alternative per lui: sottoporsi ad un pendolarismo assurdo, separarsi dalla famiglia, oppure farsi forte dei diritti dell'obbligo scolastico e studiare con l'assistenza di tutor inviati dalla terraferma». « Tre alternative - ha continuato Quartiero - comunque non soddisfacenti: per lui, per la famiglia e per il corpo docente. Ne siamo venuti a conoscenza e ci è venuto spontaneo intervenire, accordandoci con il preside dell'Ungaretti».
Arturo, tramite il Pc, con un semplice click del mouse, ha potuto chiedere la parola, colloquiare con i compagni, inviare gli esercizi svolti. Ha anche potuto partecipare alle esercitazioni, avendo sul video sia la lavagna dell'aula, sia l'immagine del docente che spiegava. Anche docenti e tutor hanno potuto dialogare facilmente con lui. «E' stata un'esperienza cui ci ha spinto l'orgoglio di informatici e la sensibilità di cittadini e non certo - ha aggiunto Quartieri - la pretesa di dire la nostra sul futuro della scuola».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione