Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 18:31

Bari - «Contratto di quartiere» a Mungivacca

Il progetto dedica particolare attenzione alla viabilità. Nello specifico s'intende realizzare un intervento di riqualificazione edilizia ed urbanistica sul nucleo di residenza
BARI- Sono partiti i lavori di realizzazione del "Contratto di quartiere" di Mungivacca, uno tra i 50 selezionati e finanziati dal Ministero delle Infastrutture. E' stato aperto, infatti, il cantiere per la realizzazione del progetto, inserito nel piano più globale d'interventi denominato "Programma integrato di riqualificazione e recupero urbano". Tale progetto rappresenta la prima edizione dei "Contratti di quartiere" della città di Bari, uno strumento di risanamento e riqualificazione delle periferie. A realizzare il piano degli interventi per Mungivacca saranno il Comune di Bari e l'Istituto Autonomo Case Popolari (Iacp). Ad essere interessato, in particolare sarà la "Borgata degli Operai", il nucleo primitivo d'insediamenti. "Si tratta di un'opera importante per elevare la qualità della vita di uno dei quartieri" ha commentato il Sindaco, Simeone Di Cagno Abbrescia, illustrando il piano degli interventi nel corso della conferenza stampa. In seguito, infatti, partiranno i "contratti" per i quartieri Japigia e San Girolamo.
Per Mungivacca, invece, il progetto dedica particolare attenzione alla viabilità. Nello specifico s'intende realizzare un intervento di riqualificazione edilizia ed urbanistica sul nucleo di residenza, da sempre cuore del comprensorio e caratterizzata da insufficiente qualità morfologica e relazionale dello spazio urbano, e sugli spazi esterni. La borgata, infatti, ha visto incrementare nel tempo le proprie difficoltà d'inserimento e dialogo con la città in evoluzione rimanendo travolta dalla necessità della viabilità di attraversamento, dalla logica di abbandono degli insediamenti di Edilizia Residenziale Pubblica e dal generale degrado architettonico ed ambientale. L'intervento sugli edifici è finalizzato alla conservazione fisica e valorizzazione dell'immagine architettonica dell'intero organismo con interventi correttivi d'integrazione e restauro e l'inserimento di elementi architettonici tecnologicamente avanzati: gli alloggi saranno dotati di spazi pertinenziali tipo lavanderia-deposito, garage. L'intervento sugli spazi esterni, invece, prevede la chiusura al traffico della viabilità interna, la risistemazione della viabilità carrabile interna e pedonale; interventi di riqualificazione del verde e dell'arredo urbano; creazione di spazi collettivi e la realizzazione di due livelli di garage interrati sotto la piazza pedonale centrale.

Pierluigi De Santis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione