Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 16:54

San Fele - Arrestato un foggiano per estorsione

Un ispettore dopo un'ispezione in un pub, nota delle irregolarità per trasmissioni televisive e chiede 1.000 euro per non inoltrare il mancato rispetto contrattuale
SAN FELE (POTENZA) - Per aver chiesto mille euro per evitare di segnalare il mancato rispetto di un contratto, l'ispettore di una catena televisiva satellitare, Domenico Pellegrino, di 50 anni, di Cerignola (Foggia), è stato arrestato a San Fele (Potenza) dai carabinieri, con l'accusa di estorsione.
Secondo quanto si è appreso, Pellegrino ha fatto un controllo in un pub di San Fele e ha fatto rilevare al proprietario che il contratto in suo possesso era di tipo familiare e non commerciale, quindi non poteva trasmettere nel locale i programmi televisivi satellitari. L'ispettore, secondo l'accusa, avrebbe chiesto al titolare del locale mille euro per evitare di segnalare l'anomalia. Il proprietario del pub, però, ha avvertito i carabinieri e, quando la somma è stata consegnata a Pellegrino, i militari sono intervenuti e lo hanno arrestato. Gli investigatori indagano per stabilire se l'uomo abbia già fatto richieste dello stesso genere anche in altri locali pubblici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione