Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 00:28

Operazione della DDA barese: 37 arresti

I carabinieri, nell'ambito dell'operazione «Piramide», hanno sgominato un gruppo criminale radicato nel quartiere San Pasquale nel capoluogo pugliese
BARI - Trentasette persone, quasi tutte con precedenti penali, sono state arrestate all'alba dai carabinieri nell'ambito dell'operazione «Piramide», al termine di due anni di indagini su un gruppo criminale radicato nel quartiere San Pasquale nel capoluogo pugliese. Quarantatrè sono le ordinanze di custodia cautelare richieste dalla DDA di Bari, per associazione per delinquere di stampo mafioso, dedita al traffico di stupefacenti e le estorsioni, sei delle quali non eseguite perchè i soggetti sono irreperibili. Due di loro, Giuseppe Caldarola, di 41 anni e Mario Coluccia, di 54 anni, entrambi legati allÂ'ambiente dei videogiochi, sono scomparsi dal 23 aprile 2003 e si teme che possano essere vittima della cosiddetta lupara bianca.
Il gruppo criminale, secondo lÂ'accusa, era capeggiato da Giuseppe Fiore, di 40 anni, già in carcere dal 2002 per traffico di droga, quando i carabinieri lo arrestarono insieme ad altre 37 persone. L'inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, durata due anni, avrebbe accertato che gli uomini legati a Fiore erano anche stati in grado di condizionare la campagna elettorale del 2001, per l'elezione alla Camera dei deputati, imponendo la votazione di un candidato, non eletto poi per una manciata di voti. L'attività più redditizia per il gruppo era quella delle estorsioni, che comprendeva anche l'imposizione di videopoker ad esercizi pubblici non solo nel quartiere San Pasquale. Due degli indagati, fra cui lo stesso Fiore, risultavano dipendenti di un supermercato sino al giorno dell' arresto, e percepivano regolarmente la busta paga senza essersi mai recati al lavoro. All'indagine hanno contribuito due collaboratori di giustizia. Alcuni degli arresti sono avvenuti a Verona, Perugia, L'Aquila, Lecce e Brindisi e sembra che il gruppo avesse legami con la criminalità brindisina e del cosentino. Nel corso dell'operazione sono anche stati sequestrati beni immobili per oltre 700 mila euro, tra cui appartamenti ed auto di lusso.
Il Sottosegretario all'Interno con delega alla Pubblica Sicurezza, Alfredo Mantovano, dopo la brillante operazione condotta dai carabinieri contro un nuovo gruppo criminale individuato nel quartiere San Pasquale di Bari ha formulato al comandante provinciale, colonnello Aldo Visone, e ai militari tutti le più vive felicitazioni. «L'operazione odierna - ha affermato Mantovano - testimonia che da parte delle istituzioni il contrasto è sempre più incalzante, in particolare laddove vengano colpite, come in questo caso, realtà criminali emergenti, e conferma la serietà della richiesta di collaborazione ai cittadini, che è in grado di rendere il lavoro delle forze di polizia ancora più efficace».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione