Cerca

Venerdì 19 Gennaio 2018 | 20:26

Bari - Monumento per i caduti di Nassiryia

Il capoluogo pugliese ha voluto ricordare il sacrificio degli italiani inaugurando una lapide di marmo nel cimitero monumentale della città; ha presenziato alla cerimonia il carabiniere ferito il 12 novembre in Iraq Antonio Altavilla
BARI - Un cippo di marmo con i nomi dei 19 militari italiani caduti il 12 novembre del 2003 in un attentato a Nassiryia, e quello del giovane lagunare Matteo Vanzan caduto il 17 maggio scorso; una corona d'alloro, gli onori militari e della città di Bari, le note del «Piave mormorò». Così Bari ha voluto ricordare il sacrificio degli italiani inaugurando stamane un monumento nel cimitero monumentale della città, alla presenza del sindaco, Simone di Cagno Abbrescia, dei comandanti della Terza Regione Aerea, gen.Giovanni Mazzone, dell'Esercito in Puglia, Marios Lombardo e della Regione carabinieri, Michele Franzè. Ha presenziato alla cerimonia il carabiniere ferito il 12 novembre in Iraq Antonio Altavilla.
«La sofferenza trasmessaci dall'evento - ha ricordato il sindaco - non ha espressioni che possano dimostrarlo; lo sgomento è forte ma è altrettanto forte il senso dello Stato e dei valori insieme alla consapevolezza della grande missione umanitaria italiana per portare aiuto, sostegno e pace in un paese che non l'ha mai conosciuta».
Dopo aver letto un messaggio inviato dal ministro della difesa, il gen. Mazzone ha ricordato che «i militari italiani sono impegnati in missioni ad alto rischio in cui portano la grande umanità e la partecipazione al dolore altrui. Il nostro lavoro però - ha concluso - è grandemente apprezzato dalla maggioranza del popolo iracheno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400