Cerca

Venerdì 19 Gennaio 2018 | 00:35

Il lavoro degli 007 ha permesso l'avvicinamento della Libia ai Paesi occidentali

TARANTO - Sono ancora in un'area controllata al molo polisettoriale del porto di Taranto, le cinque casse piene dei componenti meccanici per realizzare armamento nucleare, destinate alla Libia di Gheddafi. La notizia dell'operazione di intelligence - condotta ad ottobre scorso dai servizi segreti di Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania e Italia - è stata pubblicata dal quotidiano statunitense "Washington Post" alla fine del 2003. Dalle autorità italiane nessuna smentita, ma anche nessuna conferma. Secondo quanto si è appreso, il 4 ottobre, un mercantile battente bandiera tedesca, il Bbc China, è stato dirottato dagli uomini di Cia, Sismi e MI6, sulla rotta del porto di Taranto. Il cargo proveniva dal porto commerciale di Dubai negli Emirati Arabi ed è stato intercettato durante il transito nello stretto di Suez. A segnalare la circostanza erano stati gli agenti italiani. Sulle sue tracce si erano messe anche le unità navali impegnate in Oceano Indiano nell'operazione "Enduring Freedom".
La presenza a Taranto del cargo tedesco, con le casse incriminate nella stiva, viene confermata anche dai registri della locale Capitaneria di Porto. «La nave - spiega il comandante Tiberio Piattelli - è giunta in porto il 4 ottobre ed è ripartita nel pomeriggio del giorno seguente, dopo aver scaricato i cinque contenitori che aveva a bordo». Per non destare alcun sospetto, l'operazione è stata condotta seguendo le normali procedure. Gli uomini ombra dei servizi occidentali avevano fiutato che il cargo tedesco, a Dubai, aveva caricato materiale differente rispetto a quanto dichiarato alle autorità. Ma hanno preferito attendere per trovare le necessarie conferme. E così è stato. Dopo che la "Bbc China" ha passato Suez, a poche ore dalla destinazione finale di Tripoli, è stata dirottata a Taranto con l'escamotage di un carico straordinario. La nave è giunta al molo polisettoriale senza scorta. Qui le autorità doganali sono intervenute per un controllo definito di routine. Solo che a bordo del cargo, oltre agli ispettori doganali, sono saliti gli agenti dei servizi segreti italiani, tedeschi e americani. Gli 007 hanno accertato che nelle casse non c'erano pompe idrauliche, così come dichiarato nei registri della nave, ma componenti per realizzare le micidiali centrifughe, destinate a ben altri scopi. L'operazione conclusa a Taranto ha contribuito ad aprire la strada agli accordi con Tripoli per lo smantellamento delle armi di distruzione di massa e dimostra che il vero fronte di una guerra tutt'altro che guerreggiata, è il mare.
M. Maz.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400