Cerca

Latiano ricorda 20 anni dopo
prof. Sbrollini ucciso in strada

di FRANCO GIULIANO
LATIANO - Il consiglio Comunale di Latiano ha approvato stasera alla unanimità la proposta (lanciata nel primo numero di un giornale locale e presentata in Consiglio dal consigliere Giuseppe Dimastrodonato) di intitolare il circolo tennis di Latiano, una delle più antiche strutture sportive della provincia di Brindisi alla memoria di Sergio Sbrollini, il professore di lettere, ucciso venti anni fa per strada a Latiano da un giovane balordo che gli sparò tre colpi di pistola per il solo fatto di essere stato sgridato per la sua guida percolosa in pieno centro.

Latiano ricorda 20 anni dopoprof. Sbrollini ucciso in strada

LATIANO - Il consiglio Comunale di Latiano ha approvato stasera alla unanimità la proposta (lanciata da un giornale locale e presentata dal consigliere Giuseppe Dimastrodonato) di intitolare il circolo tennis di Latiano, una delle più antiche strutture sportive della provincia di Brindisi alla memoria di Sergio Sbrollini, il professore di lettere, ucciso venti anni fa per strada a Latiano da un giovane balordo che gli sparò tre colpi di pistola per il solo fatto di essere stato sgridato per la sua guida percolosa in pieno centro.

Dopo la approvazione della mozione del consigliere Dimastrodonato il sindaco si è impegnato a definire l'iter nel più breve tempo possibile e convocare entro qualche settimana un altro consiglio comunale che potrebbe tenersi proprio nel circolo tennis, la prima struttura sportiva nata in paese e che vide tra i fondatori proprio Sergio Sbrollini (insieme a pochissimi altri sportivi di Latiano tra i quali Luciano Caforio, Franco Claudio, Salvatore D'Ippolito, Tonino Lamarina).

"Un gesto - ha commentato stasera alla fine del consiglio Giuseppe Dimastrodonato - che dovevamo al carissimo Prof. Sergio Sbrollini non solo per il suo impegno sociale e sportivo, ma soprattutto per essere stato uno dei protagonisti della vita culturale di Latiano".

A lui infatti si deve tra gli altri la prima edizione del "Maggio latianese", un cartellone di eventi culturali e musicali che rappresentò in quegli anni, grazie alla intuizione dell'allora assessore alla cultura Giovanni Rubino, che avviò quelle iniziative di richiamo nazionale, il primo grande evento culturale forse di tutta la Regione.

"La proposta lanciata dal giornale Extra - conclude Dimastrodonato - che nel suo primo numero ha dedicato un articolo e che raccolto immediatamente il consenso di molti cittadini latianesi è piaciuta ai cittadini e accettata dai consiglieri di tutti i partiti. Una fatto straordinario che testimonia quanto il professore  Sbrollini era stimato"

f.g.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400