Cerca

Domenica 22 Aprile 2018 | 20:19

melfi

Aveva ricambi nell’armadio
«Ma non può essere licenziato»

La decisione della Cassazione per un operaio dipendente della Ceva Logistic all’epoca in servizio presso la Fiat-Sata di San Nicola

di Giovanni Rivelli

Il ritrovamento di materiale aziendale nell’armadietto personale non può determinare la condanna di furto e in assenza di tale condanna il licenziamento da parte dell’azienda è illegittimo.

Lo ha deciso la Corte di Cassazione rigettando il ricorso della Ceva Logistic contro un proprio dipendente, Davide Potito (assistito dall’avv. Pasquale Ciola) che pure era stato condannato per ricettazione al seguito del ritrovamento di alcuni pezzi presso la propria abitazione. La vicenda risale ad aprile del 2008 quando, nel corso di un’operazione volta alla ricerca di droga, nell’armadietto di Potito vennero rinvenuti alcuni pezzi di ricambio. Nella successiva perquisizione domiciliare vennero trovati altri pezzi e ne nacque un processo al termine del quale l’uomo venne ritenuto responsabile del solo reato di ricettazione e per questo condannato a un anno e 4 mesi con sentenza confermata in Cassazione.

Diverso, però, l’esito del parallelo processo di lavoro. Il Tribunale di Melfi aveva confermato il licenziamento, la Corte d’Appello, invece, nel 2015 lo aveva ritenuto illegittimo spiegando che «la valutazione delle circostanze come rappresentate in sede penale e quindi l'assenza di una prova in questa sede del fatto contestato, furto in azienda» non consentivano la cessazione del rapporto. Una decisione contro cui ha ricorso l’azienda lamentando che i giudici di seconda istanza non avessero tenuto conto «delle risultanze probatorie emerse nel corso del giudizio di primo grado (del giudice del lavoro)».

Ma la Suprema Corte ha osservato che «la Corte distrettuale ha ritenuto che il materiale istruttorio raccolto sia in sede penale (ossia le deposizioni dei testimoni) sia in primo grado (deposizione di un teste) nonché la lettera di giustificazioni del lavoratore stesso non consentissero di ritenere provato il comportamento addebitato ossia la sottrazione di materiale aziendale, essendo emerso che il Potito aveva raccolto il materiale di scarto ritrovato durante il turno di lavoro e, in assenza del capo squadra a cui consegnarlo, lo aveva riposto nel suo armadietto per provvedervi successivamente». Inoltre, «pur citando la sentenza del Tribunale penale che aveva assolto il Potito dall'imputazione di furto (sentenza poi riformata dalla Corte di appello) - ha esaminato e valutato autonomamente il contenuto delle deposizioni dei testimoni escussi in sede penale comparandole altresì con la deposizione resa avanti al giudice del lavoro di uno dei due testimoni e ha ritenuto, con motivazione seppur succinta ma completa ed esauriente, insussistente il comportamento disciplinare addebitato al Potito».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Sport, i valori raccontatidai filmare lucani

Sport, i valori raccontati
dai filmare lucani

 
Confesercenti, a Potenzachiudono 9 ditte al giorno

Confesercenti, a Potenza
chiudono 9 ditte al giorno

 
Convalidato sequestrovasche Itrec Rotondella

Convalidato sequestro
vasche Itrec Rotondella

 
Minaccia moglie, lei lo denunciaCarabinieri scoprono armi

Minaccia moglie, lei lo denuncia
Carabinieri scoprono armi

 
Basilicata, in arrivo 14mlna 7mila imprese agricole

Basilicata, in arrivo 14mln
a 7mila imprese agricole

 
Rocco Brancati

Scomparso Rocco Brancati
riferimento nel giornalismo lucano

 
Minaccia ex marito compagna scatta divieto di avvicinamento

Minaccia ex marito compagna
scatta divieto di avvicinamento

 
incidente sul lavoro

Operaio 40enne morto
sciopero di otto ore

 

MEDIAGALLERY

Lecce, bullismo a scuola

Lecce, bullismo a scuola

 
L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo delle coste salentine

L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo coste salentine

 
La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

 
Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

 
Puglia, Papa Francesco ad Alessano

Puglia, Papa Francesco ad Alessano

 
Papa Francesco celebra messa a Molfetta

Papa Francesco celebra messa a Molfetta

 
Papa Francesco

Papa Francesco da Alessano a Molfetta: tappe sui luoghi di don Tonino Bello

 
Bradanica, dopo 50 anniaperti i primi 8 chilometri

Bradanica, dopo 50 anni
aperti i primi 8 chilometri

 
Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Trovata una fossa comune in Siria

Trovata una fossa comune in Siria

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 19

Ansatg delle ore 19

 
Economia TV
Sempre piu' poveri

Sempre piu' poveri

 
Italia TV
Raviolo day, dall'Italia al Messico

Raviolo day, dall'Italia al Messico

 
Spettacolo TV
Maratona sentimentale in salsa francese

Maratona sentimentale in salsa francese

 
Calcio TV
Storica impresa del Benevento: batte 1-0 il Milan a San Siro

Storica impresa del Benevento: batte 1-0 il Milan a San Siro

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 22 aprile 2018

Previsioni meteo per domenica, 22 aprile 2018

 
Sport TV
Motogp, oggi le libere ad Austin

Motogp, oggi le libere ad Austin