Venerdì 20 Luglio 2018 | 20:38

Nel mirino la lucana Alessandra Di Sanzo Tedesco

Video contro la centrale
attrice minacciata di morte

Video contro la centrale attrice minacciata di morte

di Mariapaola Vergallito

ROTONDA - Una minaccia telefonica, ovviamente anonima, per intimare la rimozione di un video contro la Centrale Enel del Mercure. È quella arrivata all’attrice lucana Alessandra Di Sanzo Tedesco, che di certo non si è fatta intimorire dall’accaduto. Anzi. Ha subito condiviso un altro video dove, oltre a raccontare quanto successo, ha anche ribadito la sua posizione.

Alessandra è originaria di Rotonda, uno dei comuni geograficamente più vicini alla Centrale (e, assieme a Viggianello, contrari alla sua riattivazione), sebbene l’impianto si trovi in territorio calabrese, di Laino Borgo. Alessandra si è fatta conoscere dal grande pubblico negli anni Ottanta, quando fu protagonista del film «Mary per sempre». Nei giorni scorsi aveva voluto indossare la maglia con la scritta «No alla centrale del Mercure» in un video nel quale esprimeva la sua contrarietà alla riapertura. Alessandra aveva criticato la presenza dell’insediamento industriale a biomasse nel cuore del Parco del Pollino, sospettando che dietro i continui incendi della scorsa estate e l’abbattimento degli alberi che alimentano l’impianto dell’Enel «possa esserci la ‘ndrangheta», esprimendo anche profondo rammarico per un’attività da lei ritenuta «profondamente inquinante» e schierandosi apertamente con gli attivisti che da anni vi si oppongono.

La diretta si era conclusa con un’affermazione forte rivolta ai cittadini, pregandoli di stare attenti affinché «la Basilicata non diventi una terra dei fuochi». Un video che ha ottenuto molte condivisioni in rete ma che, evidentemente, non è piaciuto a tutti. «Cancella il video e tappati la bocca altrimenti te la tappiamo noi» è, invece, da quanto racconta l’attrice, il contenuto della telefonata anonima ricevuta. «Se volevano intimidirmi hanno ottenuto l’effetto contrario- ha detto Alessandra-. Ho sempre lottato contro i maltrattamenti degli anziani, dei bambini e in difesa della natura e degli animali, e non mi fermeranno certo queste minacce. Mi dispiace veramente tanto che da anni si continui a rovinare un territorio così bello che, oltre alla possibilità di aver attratto gli interessi della malavita, sta andando sempre più incontro alla distruzione del suo ecosistema e all’aumento dei tumori soprattutto tra i più giovani». E nel nuovo video condiviso in risposta alle minacce ha aggiunto: «Non sto zitta e non cancello nessun video. No alla Centrale del Mercure per le conseguenze che provoca anche sulla salute e invitando gli abitanti della valle a fare di più per la tutela del loro territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 
Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

 
Portavoce, l’indagine interna del Consiglio inguaia Fulgione

Portavoce, l’indagine interna
del Consiglio inguaia Fulgione

 
Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

 
«Totalgate», assolti in 4 per i lavori a Tempa Rossa

«Totalgate», assolti in 4
per i lavori a Tempa Rossa

 
Potenza, inchiesta Tempa Rossaassolti 4 dipendenti Total

Potenza, inchiesta Tempa Rossa
assolti 4 dipendenti Total

 

GDM.TV

Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 

PHOTONEWS