Venerdì 20 Luglio 2018 | 22:35

GUARDIE MEDICHE

Le guardie mediche tornano
a utilizzare l'auto privata

Sospesa la protesta sulle visite domiciliari. Nuovo appello all'Asp

 Le guardie mediche tornano a utilizzare l'auto privata

di PIERO MIOLLA

I medici di continuità assistenziale hanno sospeso la loro protesta tornando disponibili all’utilizzo della propria auto. Nel contempo, però, hanno invitato l’Asp a fornire «un idoneo automezzo al fine di consentire di adempiere al rapporto convenzionale senza sopportare ingiusti oneri». Con una lettera indirizzata all’Azienda Sanitaria, infatti, le ex guardie mediche hanno annunciato che tornano a riprendere il mezzo proprio per il servizio, contestando, però, legittimità e fondatezza dell’invito loro giunto e chiedendo «il risarcimento per gli ingiusti oneri che sopporteranno per effetto della ingiusta ed infondata determinazione” aziendale, riservandosi di “azionare e quantificare con specifica azione giudiziale» l’entità del suddetto risarcimento.

La querelle con l’Asp, dunque, si arricchisce di una nuova puntata: dopo aver iniziato dal 15 novembre la protesta, concretizzatasi nell’indisponibilità all’utilizzo della propria auto in servizio, i medici di continuità assistenziale sono tornati sui propri passi in quanto, di fatto, costretti sia dalla risposta che l’Azienda aveva loro indirizzato, ma anche dalle necessità venute fuori nel corso del servizio notturno. Fare le visite domiciliari a piedi o in bicicletta, infatti, non sempre è possibile e, tenuto conto del monito dell’Asp e del rifiuto di quest’ultima a mettere a disposizione un’auto aziendale, oltre che della circostanza (non secondaria) che dall’altro lato ci sono i cittadini che abbisognano dell’attività dei medici, questi ultimi, con grande senso di responsabilità hanno optato per la soluzione riferita.

Senza, però, abbassare la guardia. Nella missiva indirizzata all’Asp, infatti, hanno contestato il tenore di quella aziendale, sottolineando di «non aver mai sottoscritto alcuna accettazione di utilizzo del mezzo proprio, ma solo preso atto della organizzazione aziendale» e ricordando che «sono mutate le condizioni esistenti al momento dell’inizio dell’attività convenzionale», in quanto ogni singolo medico «dal 2008 ad aprile 2017, in base all’articolo 35 dell’accordo integrativo regionale, percepiva l’indennità di 0,50 euro per ora per usura macchina, sospesa dall’Asp senza cenno di comunicazione con decorrenza da maggio.

L’Azienda da aprile non corrisponde più quanto contrattualmente dovuto per l’utilizzo del proprio mezzo» e, tenuto conto che i medici hanno «utilizzato la propria auto sul presupposto essenziale della percezione di detta indennità, venendo meno per determinazione unilaterale dell’Azienda l’erogazione della stessa», c’è il loro diritto «a determinarsi di non utilizzarla più. Strumentale e parziale è il richiamo all’articolo 72 dell’Acn: detta norma non prevede alcun obbligo di utilizzo del mezzo proprio». Infine, l’accordo integrativo regionale è «tutt’ora valido ed efficace, mai disdettato dai soggetti firmatari ma solo in parte unilateralmente, illecitamente disapplicato dalla Asp per effetto di altrettanto illecite determinazioni regionali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 
Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

 
Portavoce, l’indagine interna del Consiglio inguaia Fulgione

Portavoce, l’indagine interna
del Consiglio inguaia Fulgione

 
Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

 
«Totalgate», assolti in 4 per i lavori a Tempa Rossa

«Totalgate», assolti in 4
per i lavori a Tempa Rossa

 
Potenza, inchiesta Tempa Rossaassolti 4 dipendenti Total

Potenza, inchiesta Tempa Rossa
assolti 4 dipendenti Total

 

GDM.TV

Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 

PHOTONEWS