Domenica 22 Luglio 2018 | 02:50

Lavello

Il polo agroalimentare
è diventato un deserto

Aziende «fantasma», capannoni vuoti e degrado ovunque

Il polo agroalimentare  è diventato un deserto

di Francesco Russo

LAVELLO - Una zona a grande vocazione agricola, animata da tantissimi piccoli e medi produttori. Grano, pomodoro, frutta di ogni tipo vengono coltivati ogni anno dagli operatori del settore, in un ampio territorio che va da Lavello - estremo Nord della Basilicata - fino al confine con la Puglia negli agri di Cerignola, Loconia, Canosa e Minervino Murge. Ma non c’è stato mai alcun serio tentativo di far decollare dal punto di vista industriale quell’area, rappresentata idealmente dal borgo di Gaudiano di Lavello. O meglio. Pochi decenni fa era stato iniziato un percorso che andava in quella direzione, con l’avvio delle attività del conservificio e del sementificio (di cui parliamo a parte, ndr).

Soltanto il primo è ancora esistente, mentre un’altra iniziativa imprenditoriale, più recente, ha avuto poca durata. Ci riferiamo ad uno stabilimento abbandonato, che si trova a pochi metri dal sementificio. Le attività di quell’impianto sono terminate alcuni anni fa. Oggi rimane una struttura fantasma, costituita da alcuni grandi capannoni, inizialmente destinati alle produzioni nel settore agroalimentare. Una cancellata impedisce l’accesso agli impianti, ma i segni dell’incuria sono ben visibili. Difficile, risalire alla storia di quello stabilimento, inaugurato in pompa magna negli anni Duemila. Sembra che la prima proprietà - un’azienda pugliese - abbia messo in vendita la struttura, che passò così ad una società del settore agroindustriale del Foggiano per poi essere trasferita ad un gruppo campano leader del settore dell’agroalimentare e della trasformazione. Oggi, pare che l’intero impianto sia stato messo in vendita.

Non c’è altro, quindi, in quella che viene definita area agroalimentare di Gaudiano. Ci riferiamo, naturalmente, alle attività di natura industriale: sono tantissime, invece, quelle prettamente agricole. In tutta l’area ci sono piccoli, medi, grandi produttori. Non mancano vivai, serre, coltivazioni con tecniche innovative. Esistono anche imprese che commerciano non solo in Italia, ma che esportano frutta e ortaggi in tutta Europa. «Nell’area di Gaudiano - dice Vincenzo Esposito, segretario regionale della Flai-Cgil - ci sono attività sicuramente numerose, ma prettamente agricole. Forse per questo motivo la zona di cui parliamo non è mai stata presa in considerazione seriamente per costituire un polo dell’agroalimentare, con vere e proprie filiere produttive per accompagnare gli agricoltori dalla produzione alla trasformazione. Ma ci potrebbero essere anche altri motivi. Uno di questi - spiega - è la presenza, nelle immediate vicinanze, ad una quindicina di chilometri, dell’area industriale di San Nicola di Melfi, in cui ci sono anche aziende importanti del settore agroalimentare. Ma la zona di Gaudiano - dice ancora il sindacalista - potrebbe essere stata tagliata fuori da ogni ipotesi di sviluppo anche perché forse, la politica locale non ha mai ritenuto opportuno svilupparla a livello industriale. Eppure è collegata bene, pianeggiante: sarebbe stato un polo importante. Ci vorrebbe qualche progetto per consentire un salto di qualità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Potenza, blitz nella notte: spuntaun ripetitore. «Non è autorizzato»

Potenza, blitz nella notte: spunta un ripetitore. «Non è autorizzato»

 
Melfi, un 23enne incensuratoarrestato per spaccio di droga

Melfi, un 23enne incensurato
arrestato per spaccio di droga

 
Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 
Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

 
Portavoce, l’indagine interna del Consiglio inguaia Fulgione

Portavoce, l’indagine interna
del Consiglio inguaia Fulgione

 
Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS