Cerca

Giovedì 19 Aprile 2018 | 15:42

Lavello

Il polo agroalimentare
è diventato un deserto

Aziende «fantasma», capannoni vuoti e degrado ovunque

Il polo agroalimentare  è diventato un deserto

di Francesco Russo

LAVELLO - Una zona a grande vocazione agricola, animata da tantissimi piccoli e medi produttori. Grano, pomodoro, frutta di ogni tipo vengono coltivati ogni anno dagli operatori del settore, in un ampio territorio che va da Lavello - estremo Nord della Basilicata - fino al confine con la Puglia negli agri di Cerignola, Loconia, Canosa e Minervino Murge. Ma non c’è stato mai alcun serio tentativo di far decollare dal punto di vista industriale quell’area, rappresentata idealmente dal borgo di Gaudiano di Lavello. O meglio. Pochi decenni fa era stato iniziato un percorso che andava in quella direzione, con l’avvio delle attività del conservificio e del sementificio (di cui parliamo a parte, ndr).

Soltanto il primo è ancora esistente, mentre un’altra iniziativa imprenditoriale, più recente, ha avuto poca durata. Ci riferiamo ad uno stabilimento abbandonato, che si trova a pochi metri dal sementificio. Le attività di quell’impianto sono terminate alcuni anni fa. Oggi rimane una struttura fantasma, costituita da alcuni grandi capannoni, inizialmente destinati alle produzioni nel settore agroalimentare. Una cancellata impedisce l’accesso agli impianti, ma i segni dell’incuria sono ben visibili. Difficile, risalire alla storia di quello stabilimento, inaugurato in pompa magna negli anni Duemila. Sembra che la prima proprietà - un’azienda pugliese - abbia messo in vendita la struttura, che passò così ad una società del settore agroindustriale del Foggiano per poi essere trasferita ad un gruppo campano leader del settore dell’agroalimentare e della trasformazione. Oggi, pare che l’intero impianto sia stato messo in vendita.

Non c’è altro, quindi, in quella che viene definita area agroalimentare di Gaudiano. Ci riferiamo, naturalmente, alle attività di natura industriale: sono tantissime, invece, quelle prettamente agricole. In tutta l’area ci sono piccoli, medi, grandi produttori. Non mancano vivai, serre, coltivazioni con tecniche innovative. Esistono anche imprese che commerciano non solo in Italia, ma che esportano frutta e ortaggi in tutta Europa. «Nell’area di Gaudiano - dice Vincenzo Esposito, segretario regionale della Flai-Cgil - ci sono attività sicuramente numerose, ma prettamente agricole. Forse per questo motivo la zona di cui parliamo non è mai stata presa in considerazione seriamente per costituire un polo dell’agroalimentare, con vere e proprie filiere produttive per accompagnare gli agricoltori dalla produzione alla trasformazione. Ma ci potrebbero essere anche altri motivi. Uno di questi - spiega - è la presenza, nelle immediate vicinanze, ad una quindicina di chilometri, dell’area industriale di San Nicola di Melfi, in cui ci sono anche aziende importanti del settore agroalimentare. Ma la zona di Gaudiano - dice ancora il sindacalista - potrebbe essere stata tagliata fuori da ogni ipotesi di sviluppo anche perché forse, la politica locale non ha mai ritenuto opportuno svilupparla a livello industriale. Eppure è collegata bene, pianeggiante: sarebbe stato un polo importante. Ci vorrebbe qualche progetto per consentire un salto di qualità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Convalidato sequestrovasche Itrec Rotondella

Convalidato sequestro
vasche Itrec Rotondella

 
Minaccia moglie, lei lo denunciaCarabinieri scoprono armi

Minaccia moglie, lei lo denuncia
Carabinieri scoprono armi

 
Basilicata, in arrivo 14mlna 7mila imprese agricole

Basilicata, in arrivo 14mln
a 7mila imprese agricole

 
Rocco Brancati

Scomparso Rocco Brancati
riferimento nel giornalismo lucano

 
Minaccia ex marito compagna scatta divieto di avvicinamento

Minaccia ex marito compagna
scatta divieto di avvicinamento

 
incidente sul lavoro

Operaio 40enne morto
sciopero di otto ore

 
Evasione fiscale per 1,3 mln in ditta commercio carburanti denunciato l’amministratore

Ditta commercio carburanti
evade il fisco per 1,3 milioni
denunciato l’amministratore

 
Stalking, il gip «confina»tre romeni nel Potentino

Stalking, il gip «confina»
tre romeni nel Potentino

 

MEDIAGALLERY

Bradanica, dopo 50 anniaperti i primi 8 chilometri

Bradanica, dopo 50 anni
aperti i primi 8 chilometri

 
Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

 
Tentata estorsione, fermati  avvocato e maresciallo Gdf

Tentata estorsione, fermati
avvocato e maresciallo Gdf

 
Tre arresti nel Foggianoper una serie di rapine e furti

Tre arresti nel Foggiano
per una serie di rapine e furti

 
Rapina ed estorsione ad Andria arrestati minori di 16 e 17 anni

Rapina ed estorsione ad Andria, arrestati minori di 16 e 17 anni

 
Barletta, in giro uomo armato di pistola

Barletta, in giro uomo armato di pistola

 
Bari, incendio in palazzina nel quartiere Poggiofranco

Bari, incendio in palazzina nel quartiere Poggiofranco

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Stretta Fb su privacy, c'e' parental control

Stretta Fb su privacy, c'e' parental control

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 15

Ansatg delle ore 15

 
Economia TV
Portabilita' Rc auto per coppie di fatto

Portabilita' Rc auto per coppie di fatto

 
Calcio TV
E Simy fa Ronaldo

E Simy fa Ronaldo

 
Meteo TV
Previsioni meteo per giovedi', 19 aprile 2018

Previsioni meteo per giovedi', 19 aprile 2018

 
Italia TV
Colpo alla rete di Messina Denaro

Colpo alla rete di Messina Denaro

 
Spettacolo TV
Il narcos piu' famoso

Il narcos piu' famoso