Domenica 22 Luglio 2018 | 02:39

Violenza sessuale

Potenza, Telefono Donna
si costituisce parte civile

La decisione in occasione dell'udienza preliminare a un farmacista accusato di un a serie di episodi e abusi

violenza sessuale

L’associazione Telefono Donna ha fatto richiesta di costituzione di parte civile, stamani nel Tribunale di Potenza, nel corso della prima udienza preliminare sulla vicenda che ha riguardato un farmacista del capoluogo lucano, accusato all’inizio del 2017 di violenza sessuale aggravata e continuata, di pedopornografia e di illecita interferenza nella vita privata delle vittime «con l’aggravante che questi reati sono avvenuti nel suo ruolo di farmacista e all’interno della farmacia stessa».

Lo ha reso noto, in un comunicato, la stessa associazione, con l’obiettivo di essere «presente nel processo - ha spiegato la presidente, Cinzia Marroccoli - a nome di tutte le donne che da questa vicenda si sentono lese nella loro dignità e attraverso la nostra presenza intendono essere vicine e dare così maggior forza alle donne costituitesi nel processo. La giovane donna che con la sua denuncia ha dato l’avvio alle indagini, dopo pochi giorni che aveva subito la violenza, si è rivolta al Telefono Donna, dove lei e in seguito i suoi familiari hanno trovato sostegno psicologico e legale».

«La sua personale decisione - secondo la presidente - presa non a cuor leggero trattandosi, tra l’altro, di un amico di famiglia, è stata sostenuta fin dal primo momento dall’Associazione, che ha condiviso la sua volontà di andare avanti per sé stessa innanzitutto, per le donne che con tutta probabilità avevano subito violenza prima di lei e per quelle che avrebbero potuto subirla in futuro se il farmacista non fosse stato fermato».

Secondo quanto emerse dalle indagini, successive alla denuncia, il farmacista avrebbe «consigliato» alle vittime (almeno sei), di utilizzare al posto della «pillola del giorno dopo» una crema spermicida per evitare la gravidanza, da spalmare «sulla parte» attraverso atti di autoerotismo, tutti registrati da una piccola webcam all’interno della farmacia: il farmacista è stato prima sospeso per quattro mesi dal giudice e in seguito anche posto agli arresti domiciliari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Potenza, blitz nella notte: spuntaun ripetitore. «Non è autorizzato»

Potenza, blitz nella notte: spunta un ripetitore. «Non è autorizzato»

 
Melfi, un 23enne incensuratoarrestato per spaccio di droga

Melfi, un 23enne incensurato
arrestato per spaccio di droga

 
Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 
Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

 
Portavoce, l’indagine interna del Consiglio inguaia Fulgione

Portavoce, l’indagine interna
del Consiglio inguaia Fulgione

 
Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS