Sabato 21 Luglio 2018 | 19:37

regina d'autunno

Castagne, a Melfi
pronti-via per la raccolta

Ma sono lontane le cifre rispetto al passato. «Fino al 2010 la produzione toccava i 20-30 mila quintali»

castagne

di GIOVANNA TELESCA

Le castagne di Melfi, meglio note come «Marroncino», regine incontrastate dei frutti autunnali, stanno per ritornare sulle nostre tavole anche se con qualche giorno di ritardo rispetto allo scorso anno. Effettuato qualche giro di ricognizione nei castagneti - passo indispensabile per valutare il livello di maturazione dei ricci - la vera raccolta inizierà a giorni.

Un ritardo che si spiega con la lunga siccità che ha messo a dura prova l’intero comparto agricolo, nazionale e regionale, compreso quello delle castagne. Posticipata la raccolta, l’area del Vulture regala comunque uno straordinario colpo d’occhio offerto dai numerosi castagneti in fiore che, in un tripudio di colori e sapori tipici d’inizio ottobre, conservano inalterato tutto il loro fascino. Complessivamente nell’intera zona a ridosso del monte Vulture, tra privati e pubblici, sono circa 2 mila gli ettari di castagneti; numeri che scendono a circa 800 quando il riferimento è ai soli castagneti coltivati e considerati, dunque, alberi da frutto.

Ma quali sono le prime stime dell’imminente raccolta? «Difficile dare dei dati precisi – ha risposto Pietro Sinigaglia, presidente dell’associazione Castanicoltori del Vulture – le piante stanno bene e posso anticipare che si prevede un leggero incremento della produzione, ma siamo ancora molto lontani dai numeri di 6-7 anni fa».

Qualche dato. «Fino al 2010 – ha aggiunto Sinigaglia - negli anni considerati normali la produzione era compresa tra i 20 e i 30 mila quintali e generalmente la raccolta durava un mese. Ora, considerando che in alcune zone non si raccoglierà nulla, si potrebbe arrivare all’80 per cento in meno dei valori medi e la raccolta si esaurirà, su questo non ci sono dubbi, in poco più di una settimana».

E’ evidente, dunque, che sul mercato nazionale la produzione del «Marroncino» ha perso l’appeal dei tempi migliori quando i numeri erano di ben altro spessore. In questi anni un duro colpo è stato assestato da un parassita, in gergo cinipide, che ha falcidiato l’intera produzione. Sconfitto il cinipide, grazie agli importanti investimenti messi in campo dai privati e dalle istituzioni, in primis quelli dell’amministrazione comunale di Melfi e della Regione Basilicata, in questo anno solare le castagne hanno affrontato un altro nemico, altrettanto temibile, ovvero l’estate torrida e asciutta. D’altra parte però, proprio per l’assenza di umidità, alla minore quantità si accompagna una maggiore qualità del «Marroncino» che sarà protagonista della 58esima Sagra della Varola in programma, nella cittadina federiciana, il 21 e 22 ottobre prossimi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Potenza, blitz nella notte: spuntaun ripetitore. «Non è autorizzato»

Potenza, blitz nella notte: spunta un ripetitore. «Non è autorizzato»

 
Melfi, un 23enne incensuratoarrestato per spaccio di droga

Melfi, un 23enne incensurato
arrestato per spaccio di droga

 
Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 
Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

 
Portavoce, l’indagine interna del Consiglio inguaia Fulgione

Portavoce, l’indagine interna
del Consiglio inguaia Fulgione

 
Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS