Sabato 21 Luglio 2018 | 22:57

potenza

Botte in aula in tribunale
parte lesa picchia imputato

L'aggressione dal padre di un giovane morto di overdose

Botte in aula in tribunale parte lesa picchia imputato

Giovanni Rivelli

Botte in tribunale, ieri mattina a Potenza, con una scena mai vista nel generalmente tranquillo Palazzo di Giustizia lucano. L’episodio si è verificato poco prima delle 10 al primo piano, e precisamente nell’aula «Croce» ieri adibita a aula dell’Udienza prelilimare celebrata dal giudice Michela Tiziana Petrocelli.

Tra i vari procedimenti in calendario c’era quello a carico di un giovane, Giancarlo Lauria, accusato di aver ceduto la dose letale di metadone che costò la vita al ventiduenne di Tramutola Ivan Orlando e per questo in attesa di essere giudicato con il rito abbreviato.

In aula con l’imputato (difeso dall’avvocato Giuseppe Malta) sono giunte anche le parti civili, ossia i genitori del ragazzo che si sono costituiti in giudizio con l’assistenza dell’avvocato Angela Pignatari . Ma quando il padre della ittima, Michele Orlando, ha visto l’imputato ha perso la calma. Così gli si sarebbe avvicinato e, stando al racconto dei presenti (l’udienza si svolge in camera di consiglio, quindi senza l’accesso del pubblico) prima lo avrebbe afferrato per la gola poi, dopo essere stato subito separato dal carabiniere di servizio in aula con la collaborazione di altri presenti, l’uomo avrebbe gridato minacce pesanti (del tipo «sei un morto che cammina») all’indirizzo dell’imputato.

Un fuori programma che non ha solo turbato gli animi dei presenti ma ha anche influito sull’andamento dell’udienza. Perché Tramutola, dopo l’aggressione, si sarebbe recato in ospedale per farsi medicare e l’udienza, che secondo le previsioni avrebbe dovuto concludersi con la sentenza, è stata rinviata per assenza dell’imputato.

Ivan Orlando morì il 7 orrobre di 2 anni fa dopo aver assunto una dose di metadone. Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Potenza e condotte dai carabinieri portarono alla individuazione in Giancarlo Lauria, dello spacciatore che la sera del 6 ottobre aveva venduto ad Orlando la sostanza stupefacente la cui assunzione, secondo le risultanze medico-legali, ne aveva determinato la morte. Il reato contestato a Lauria è «moret quale conseguenza di altro reato» una sorta di omicidio colposo per il quale è previsto uno specifico aggravamento di pena.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Potenza, blitz nella notte: spuntaun ripetitore. «Non è autorizzato»

Potenza, blitz nella notte: spunta un ripetitore. «Non è autorizzato»

 
Melfi, un 23enne incensuratoarrestato per spaccio di droga

Melfi, un 23enne incensurato
arrestato per spaccio di droga

 
Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 
Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

 
Portavoce, l’indagine interna del Consiglio inguaia Fulgione

Portavoce, l’indagine interna
del Consiglio inguaia Fulgione

 
Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS