Cerca

Sabato 25 Novembre 2017 | 10:46

tempo libero

Nasce un nuovo polo
dello sport a Potenza

Intitolato a Tina Ricciuti, pioniera del tennis lucano

Nasce un nuovo polo  dello sport a Potenza

di Massimo Brancati

POTENZA - È abituato alle imprese. Come quella di riuscire a giocare con il braccio sinistro, lui che non è mancino, dopo un infortunio alla spalla destra. Tornando ad essere competitivo. Valerio Oliviero, istruttore Fit (Federazione italiana di tennis), preparatore atletico, laureato in Scienze motorie, ha creato dal nulla un polo sportivo che comprende quattro campi da tennis, un campo polivalente calcio-tennis, un campo di calciotto, due campi di calcetto, un impianto per il «Paddle», una piscina e un’ampia zona destinata a punto di ristoro. L’intero complesso - che sarà inaugurato domani sera alle 18 in via Cerreta, a Potenza (a circa un chilometro dal campo di Macchia Giocoli) - si chiama Centro sportivo Oliver Club ed è intitolato alla memoria di Tina Ricciuti, pioniera del tennis femminile nel capoluogo lucano. Un doveroso omaggio a una donna coraggiosa ed emancipata degli anni ‘30: «Tutto è nato per caso - dice Oliviero -. I terreni su cui abbiamo costruito gli impianti sono di proprietà del figlio di Ricciuti. Quando ci siamo incontrati mi ha raccontato la storia della madre suggerendomi l’idea di intitolarle il plesso sportivo. In quegli anni le donne che giocavano a tennis erano pochissime in tutta Italia. Mi è sembrato giusto fare qualcosa per ricordarla».

Il complesso sportivo è costato complessivamente 1,5 milioni di euro. Nessun aiuto pubblico: «Sì - conferma Oliviero - ho chiesto un prestito al credito sportivo per coprire tre quarti dell'investimento. Il resto l'ho versato io e alcuni piccoli investitori, miei soci. Vedrò in futuro se ci saranno opportunità per ampliare la struttura accedendo a fondi pubblici».

Il polo nasce sulla scia della passione che Oliviero coltiva per il tennis fin dalla tenera età. Ma la pragmaticità del piglio imprenditoriale lo ha spinto ad andare oltre, affiancando il suo sport preferito al calcetto, alla piscina e al «Paddle», sport che sta prendendo piede in tutta Europa (si gioca sempre con la racchetta e condensa le caratteristiche del tennis, dello squash e del racquetball). «Il vero obiettivo - dice - è quello di creare un polo ricreativo per tutta la famiglia. Un luogo dove incontrarsi, fare attività sportiva, stare in compagnia, trascorrere il tempo libero. Entro la prossima primavera completeremo il punto ristoro in cui sarà possibile organizzare eventi di vario genere. Nel frattempo abbiamo già ospitato serate a bordo piscina».

Domani sera, come dicevamo, il taglio del nastro della struttura che è già funzionante da settimane. Durante tutta la giornata è previsto l’open day, con la possibilità di visionare gli impianti. L’evento sarà impreziosito da un’esibizione di zumba e dall’intrattenimento musicale di Pina Stanco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione