Cerca

Lunedì 23 Aprile 2018 | 13:38

Il fenomeno

SI sgonfia il pallone lucano
tanti paesi orfani del calcio

Iscrizione ai campionati: fioccano rinunce per carenza di fondi e impianti

SI sgonfia il pallone lucanotanti paesi orfani del calcio

PIERO MIOLLA
Il pallone lucano si sgonfia sempre più. Si ammainano le bandiere e in tanti centri di Basilicata il calcio rimane solo quello visto in tv, peraltro ormai in vera e propria overdose. Colpa della crisi economica, certo. Ma anche di un movimento che, pure essendo sulla carta dilettantistico, scimmiotta sempre più il professionismo, con tanti calciatori che considerano il football non un semplice divertimento ma un vero e proprio lavoro, fonte di reddito. Se ci aggiungiamo che in tanti centri lucani stanno venendo a mancare la base primaria, vale a dire i giovani, è evidente che le società siano costrette a cercare materiale umano da fuori. E anche di un’impiantistica che, è bene dirlo, lascia molto a desiderare. Tutto questo, inevitabilmente, si riflette sul calcio giocato: oggi, peraltro, parte il campionato di Eccellenza, massimo campionato regionale del calcio dilettantistico, ma con l’ennesima ombra. È notizia piuttosto fresca, infatti, che il Corleto, dopo un solo anno nella «Premier League» di Basilicata, ha deciso di rinunciare e di chiudere baracca e burattini, pur dopo aver formalizzato l’iscrizione. L’estate 2017, più in generale, passerà alla storia come quella delle rinunce di società blasonate come il Melfi, che, retrocessa dopo 14 anni di professionismo, piuttosto che iscriversi alla serie D, ha preferito scendere ulteriormente di categoria richiedendo l’iscrizione all’Eccellenza.

Del pari, il Real Metapontino, fresco vincitore del campionato di Eccellenza l’anno scorso, ha rinunciato alla Serie D per motivi infrastrutturali: la società celeste, infatti, pur non avendo problemi economici ha deciso di tornare in Eccellenza perché senza stadio: quello di Policoro è fatiscente e quello di Pisticci (dove, comunque, il Real giocherà le sue gare interne in Eccellenza) non è omologato per la serie D. Anche la Vultur Rionero, tornata in serie D dopo più di 20 anni e retrocessa dopo una sola stagione, ha rinunciato alla richiesta di ripescaggio, iscrivendosi all’Eccellenza. Ma il dato più clamoroso riguarda il campionato di Promozione, quest’anno solo a 14 squadre per le rinunce di squadre come il Tursi e non solo: anche chi avrebbe avuto chance di ripescaggio, come il Salandra appena retrocesso in Prima Categoria, ha rinunciato a ritornare dalla porta di servizio in Promozione, probabilmente preferendo ammortizzare i costi e ripartire con giovani talenti locali. Insomma, il calcio lucano non vive un momento d’oro, innanzitutto dal punto di vista economico e infrastrutturale. Basti pensare che, oltre al Matera di serie C e Potenza, Picerno e Francavilla di serie D, per il resto si naviga a vista. E non sempre, purtroppo, si riesce a rimanere a galla.

Probabilmente sia le istituzioni regionali che quelle federali dovrebbero prendere atto che il movimento sta per implodere. Le prime potrebbero «facilitare» la realizzazione di impianti moderni ed efficienti. Le seconde, che hanno certamente il polso della situazione, potrebbero anche ridurre l’impatto economico concernente le iscrizioni: per l’Eccellenza, infatti, si parla di circa 8mila euro che, è vero, non sono un capitale, ma di sicuro una somma che, aggiunta alle spese vive (trasferte e ristoranti) e, naturalmente, ai rimborsi per i calciatori, diventa rilevante.

A proposito di spese, quest’anno per chi frequenta l’Eccellenza sono in aumento: il campionato a 18 squadre (nel frattempo diventato a 17 per la rinuncia del Corleto), infatti, costringerà tutte le squadre a disputare più gare, fare più trasferte, pagare più rimborsi. Nel 2017, dunque, il movimento calcistico lucano si scopre sempre più debole e in difficoltà. Servirebbe, probabilmente, un momento di riflessione generale tra federazione e squadre prima che sia troppo tardi e che, quello che era e rimane un gioco, si spenga definitivamente. Togliendo quegli spazi sociali e ludici che solo lo sport, non solo il calcio, sanno regalare. Lo sanno bene in centri come Pisticci dove, da qualche anno, non c’è il calcio. Uno degli stadi più «caldi» di Basilicata, il Michetti, infatti, è costretto ad ospitare altri colori ma non più quelli gialloblù, simbolo di una squadra che, nella sua storia, ha vissuto 7 stagioni in serie D e lanciato un tecnico del calibro di Gino De Canio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Potenza, picchia una bimba disabile arrestato un insegnante di sostegno

Potenza, picchia una bimba disabile
arrestato un insegnante di sostegno

 
«Più che strategico è un piano tragico»

«Più che strategico
è un piano tragico»

 
Sport, i valori raccontatidai filmare lucani

Sport, i valori raccontati
dai filmare lucani

 
Confesercenti, a Potenzachiudono 9 ditte al giorno

Confesercenti, a Potenza
chiudono 9 ditte al giorno

 
Convalidato sequestrovasche Itrec Rotondella

Convalidato sequestro
vasche Itrec Rotondella

 
Minaccia moglie, lei lo denunciaCarabinieri scoprono armi

Minaccia moglie, lei lo denuncia
Carabinieri scoprono armi

 
Basilicata, in arrivo 14mlna 7mila imprese agricole

Basilicata, in arrivo 14mln
a 7mila imprese agricole

 
Rocco Brancati

Scomparso Rocco Brancati
riferimento nel giornalismo lucano

 

MEDIAGALLERY

Lecce, bullismo a scuola

Lecce, bullismo a scuola

 
L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo delle coste salentine

L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo coste salentine

 
La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

 
Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

 
Puglia, Papa Francesco ad Alessano

Puglia, Papa Francesco ad Alessano

 
Papa Francesco celebra messa a Molfetta

Papa Francesco celebra messa a Molfetta

 
Papa Francesco

Papa Francesco da Alessano a Molfetta: tappe sui luoghi di don Tonino Bello

 
Bradanica, dopo 50 anniaperti i primi 8 chilometri

Bradanica, dopo 50 anni
aperti i primi 8 chilometri

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Cresce l'attesa per Royal Baby, folla di reporter

Cresce l'attesa per Royal Baby, folla di reporter

 
Spettacolo TV
Gazebo, 16 brani per un tuffo nella italo disco

Gazebo, 16 brani per un tuffo nella italo disco

 
Italia TV
Anziano in coma dopo aggressione, il video delle telecamere di sorveglianza

Anziano in coma dopo aggressione, il video delle telecamere di sorveglianza

 
Economia TV
Cresce forbice sociale, a piu' poveri solo 1,8% redditi

Cresce forbice sociale, a piu' poveri solo 1,8% redditi

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Meteo TV
Previsioni meteo per martedi', 24 aprile 2018

Previsioni meteo per martedi', 24 aprile 2018

 
Calcio TV
Serie A, Napoli batte Juve a Torino e riapre campionato

Serie A, Napoli batte Juve a Torino e riapre campionato

 
Sport TV
Motogp, oggi le libere ad Austin

Motogp, oggi le libere ad Austin