Domenica 22 Luglio 2018 | 20:37

Lo sciopero dei prof

Gli studenti di Potenza
si sentono penalizzati

I docenti: occasione irripetibile, questione di dignità

Gli studenti di Potenzasi sentono penalizzati

POTENZA - Sono 41 i docenti dell’Università di Basilicata che hanno aderito allo sciopero nazionale per chiedere lo sblocco degli stipendi. Inevitabili gli effetti sull’attività didattica: salta il primo appello degli esami in calendario per questa sessione. Gli studenti si sentono penalizzati: «La verità - sottolinea Sebastiano Greco, presidente del Consiglio studenti al Senato accademico - è che il bersaglio doveva essere il Ministero ma i veri penalizzati siamo noi studenti».

Le ragioni dei docenti: «È un’occasione irripetibile per far capire a tutti, una volta per tutte, che i docenti universitari italiani non sono più disposti a farsi delegittimare in tutte le sedi, vedendo la propria dignità messa sempre sotto attacco – spiega il professor Umberto Petruccelli, della Scuola di ingegneria dell’Unibas -. Vogliamo dire basta agli stipendi bloccati con effetti perenni, al taglio delle risorse necessarie per far progredire il personale in servizio per permettere ai giovani di accedere alla carriera universitaria, ad una burocrazia quasi sempre inutile che sottrae tempo prezioso alla didattica e alla ricerca, alle valutazioni effettuate con metodi discutibili, alla mortificazione del diritto allo studio, insomma siamo stanchi di vivere in un clima di lavoro avvelenato di lotta fra poveri».

Per i promotori della mobilitazione i docenti avrebbero bisogno anche di «assistere ad uno sblocco definitivo delle classi e gli scatti ad all’apertura di un cospicuo numero di concorsi ad associato, ad ordinario e a ricercatore di tipo B». Ma la pacifica protesta punta a chiedere maggiore attenzione alle università da parte del Governo. «Chiediamo - dice la professoressa Anna Maria Salvi, docente del Dipartimento di Scienze - che vengano assegnate risorse adeguate per la ricerca scientifica, con la predisposizione di piani di investimento che allinei la quota di pil destinata alla ricerca a quella dei principali Paesi dell'Unione europea». [al.boc.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Marchionne, le 3 viste a MelfiSindacati divisi sul giudizio

Marchionne, le 3 viste a Melfi
Sindacati divisi sul giudizio
Maldarizzi: conosceva a memoria i prezzi dei concorrenti

 
Scontro con la moto in Cilento: muore un 24enne di Maratea

Scontro con la moto in Cilento: muore un 24enne di Maratea

 
Potenza, blitz nella notte: spuntaun ripetitore. «Non è autorizzato»

Potenza, blitz nella notte: spunta un ripetitore. «Non è autorizzato»

 
Melfi, un 23enne incensuratoarrestato per spaccio di droga

Melfi, un 23enne incensurato
arrestato per spaccio di droga

 
Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS