Domenica 22 Luglio 2018 | 13:06

Emergenza idrica a Potenza

Vietato lavare auto e irrorare
Multe anche fino a 500 euro

Ordinanza del sindaco De Luca. Sì solo agli usi potabili, alimentari e sanitari

Vietato lavare auto e irrorare  Multe anche fino a 500 euro

POTENZA - Anche 500 euro per lavare l’auto. È quanto rischiano da oggi i potentini che utilizzeranno l’acqua pubblica a scopi non potabili, alimentari o igienico sanitari.

Mentre le interruzioni idriche in regione si susseguono a decine (spesso nottetempo per consentire il ripristino dei livelli nei serbatoi) il sindaco di Potenza, Dario De Luca, ha adottato un’ordinanza che dispone «misure straordinarie ed urgenti, finalizzate a

preservare la maggiore quantità di risorsa idrica disponibile per garantire i fabbisogni primari».

In pratica, fino al prossimo 30 settembre ci sarà il divieto assoluto «di prelievo e di utilizzo di acqua derivata dal pubblico acquedotto

per irrigazione e annaffiatura di orti, giardini e prati; lavaggio di aree di pertinenza cortili e piazzali; lavaggio privato di veicoli, macchine ed attrezzature; riempimento di piscine, fontane ornamentali, vasche da giardino; tutti gli usi diversi da quello alimentare, domestico ed igienico-sanitario».

Il provvedimento prevede anche una sanzione per quanti non osserveranno le disposizioni, e precisamente una multa da 25 a 500 euro e anche per questo l’ordinanza è stata inviata anche alla Prefettura, al Comando dei Carabinieri e alla Polizia Locale oltre che ad Acquedotto lucano.

Il provvedimento, del resto, fa seguito proprio ad una comunicazione giunta dalla stessa società pubblica acquedottistica che, lo scorso 19 luglio, aveva manifestato al Comune di Potenza, al pari di tutti gli altri serviti, la «criticità dell’approvvigionamento idropotabile e la necessaria razionalizzazione delle risorse idriche disponibili». Conseguentemente, onde evitare che i rubinetti nelle abitazioni possano restare a secco, il Comune ha adottato l’ordinanza che limita l’utilizzo della risorsa solo agli usi essenziale.

Ovviamente il divieto riguarda solo l’acqua prelevata dall’acquedotto, mentre per gli altri usi potranno essere continuate a essere utilizzate le risorse idriche di pozzi o captazioni private. Ma per chi non ne disponga non c’è scampo.

Così, ad esempio, sembra non esserci scampo per gli orti urbani che i cittadini hanno fatto in varie parti della città. Realtà alla buona, che chiaramente non dispongono di pozzi o reti di irrigazione. Se ne riparlerà a settembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Marchionne, le 3 viste a MelfiSindacati divisi sul giudizio

Marchionne, le 3 viste a Melfi
Sindacati divisi sul giudizio
Maldarizzi: conosceva a memoria i prezzi dei concorrenti

 
Scontro con la moto in Cilento: muore un 24enne di Maratea

Scontro con la moto in Cilento: muore un 24enne di Maratea

 
Potenza, blitz nella notte: spuntaun ripetitore. «Non è autorizzato»

Potenza, blitz nella notte: spunta un ripetitore. «Non è autorizzato»

 
Melfi, un 23enne incensuratoarrestato per spaccio di droga

Melfi, un 23enne incensurato
arrestato per spaccio di droga

 
Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS