Venerdì 20 Luglio 2018 | 22:31

energia&ambiente

Viggiano: «Ora vanno
recuperate le royalty»

Pittella su Cova: «L'ambiente era la priorità. Ora pensiamo a una sorta di risarcimento» Riavviata produzione petrolio

Viggiano: «Ora vanno recuperate le royalty»

Luigia Ierace

«La perdita delle royalty per lo stop al Centro Olio Val d’Agri? L’avevamo messa in conto - commenta il presidente della Regione, Marcello Pittella, a latere della conferenza stampa, tenuta ieri a Potenza - ma viene prima la salute e la sicurezza dei cittadini. Ora chiederemo un tavolo nazionale, per avere una sorta di riconoscimento economico per le royalty perdute nella fase di sospensione. Insomma, una sorta di “risarcimento” da quantificare per il mandato introito alla Regione».

Le questioni energetiche che riguardano la Basilicata, dalla Val d’Agri a Tempa Rossa, saranno al centro nell’incontro previsto oggi a Roma al Ministero dello Sviluppo Economico tra il governatore Pittella e il capo di gabinetto del ministro Calenda. «Chiederò che venga istituito un tavolo nazionale, anche con parti datoriali e sindacali», ha detto il presidente alla conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche l’assessore regionale all’Ambiente, Francesco Pietrantuono, il Direttore generale dell’Arpab Edmondo Iannicelli, e il sindaco di Viggiano, Amedeo Cicala.

Quanto al Cova, ha detto Pittella «abbiamo deliberato la ripresa delle attività perché sul piano squisitamente tecnico abbiamo avuto modo di verificare e di ratificare l’ottemperanza completa e compiuta, da parte di Eni, delle prescrizioni che avevamo inserito nella delibera di sospensione delle attività dopo l’episodio dello sversamento e della perdita di greggio da uno dei serbatoi». Ma la Regione ha insistito il governatore continuerà ad agire sulla «linea della fermezza» che ha dato i risultati. «Il nostro atteggiamento severo non si arresterà, con un monitoraggio continuo da parte dell’Arpab e dell’Ispra, e con la rivisitazione dell’Aia che conterrà una serie di indirizzi molto vincolanti per la compagnia petrolifera». «Dall’Eni - ha aggiunto - ci attendiamo che l’atteggiamento responsabile degli ultimi mesi diventi permanente nel tempo, così che il territorio possa giovarsi dell’utilizzo di una risorsa come il petrolio, e non pagarne unicamente le conseguenze e subirne le criticità».

«Abbiamo deliberato, inoltre, perché ci sia un presidio costante di Arpab nella fase di riavvio, provando a mantenere h24 una presenza sul territorio per i primi 15 giorni: il periodo in cui teoricamente potrebbero verificarsi sfiammate ed in cui potrebbero riscontrarsi cattivi odori. Tutto questo è fisiologico per un impianto che riprende dopo aver smesso di funzionare, ma allo stesso tempo necessita da parte nostra di una continua attenzione. Stiamo lavorando anche per realizzare un presidio permanente nei pressi dell’impianto d’intesa con il Comune di Viggiano».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 
Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

 
Portavoce, l’indagine interna del Consiglio inguaia Fulgione

Portavoce, l’indagine interna
del Consiglio inguaia Fulgione

 
Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

 
«Totalgate», assolti in 4 per i lavori a Tempa Rossa

«Totalgate», assolti in 4
per i lavori a Tempa Rossa

 
Potenza, inchiesta Tempa Rossaassolti 4 dipendenti Total

Potenza, inchiesta Tempa Rossa
assolti 4 dipendenti Total

 

GDM.TV

Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 

PHOTONEWS