Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 02:58

Sviluppo urbano, pronti 45 milioni per far diventare Potenza città accogliente

POTENZA - Definiti in un documento strategico gli interventi prioritari per fare di Potenza una città sostenibile, accessibile, resiliente, accogliente ed integrata. Si è svolto ieri nella sala dell'Arco del comune di Potenza un incontro tra l'amministrazione comunale, la Regione e il partenariato economico e sociale della città di Potenza, nell’ambito dell’Investimento Territoriale Integrato di Sviluppo Urbano finanziato con risorse provenienti dal PO FESR. Un momento di confronto e condivisione sulla visione strategica del capoluogo, sugli obiettivi e le iniziative che l’amministrazione comunale intende programmare attraverso lo strumento dell’Iti.

Per lo sviluppo urbano della città a disposizione circa 45 milioni di euro che serviranno a caratterizzare Potenza come polo regionale di servizi tradizionali e avanzati. Cinque gli ambiti di intervento individuati dal comune come illustrato dall'assessore alla programmazione Donatella Cutro: impresa e innovazione; valorizzazione del patrimonio immobiliare e spazi pubblici; mobilità urbana; miglioramento del ciclo integrato dei rifiuti; inclusione sociale e sostegno all’istruzione. Il sindaco, Dario De Luca si è soffermato sull’importanza di mettere a frutto le risorse con il coinvolgimento dei cittadini e soprattutto della necessità di un cambio di passo nella riqualificazione della pubblica amministrazione nella capacità di spesa, di verifica e nel controllo.

L’Autorità di Gestione del PO FESR, Antonio Bernardo ha illustrato l’iter amministrativo che ha portato alla condivisione del documento strategico. Inoltre, Bernardo ha indicato i successivi passaggi che porteranno all’approvazione del documento.L’assessore Cutro ha illustrato gli ambiti di intervento previsti per la città soffermandosi sull’uso intelligente dell’energia, per il quale si prevedono azioni di efficientamento energetico degli immobili comunali, del teatro Stabile e delle strutture sportive. Per la mobilità urbana previsti interventi per il miglioramento del sistema di trasporto, mentre nel settore dei rifiuti si è pensato di potenziare la raccolta differenziata con isole ecologiche, impianti di trattamento della frazione organica e di separazione. Infine, per l’inclusione sociale sono stati pensati alloggi di prima accoglienza e per la diffusione della società della conoscenza nel mondo della scuola si è programmato l’incremento delle classi 2.0.

Il Dirigente Generale Giandomenico Marchese ha illustrato le opportunità di finanziamento per le imprese, con particolare riferimento alla possibilità offerta dal pacchetto CreOpportunità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione