Lunedì 16 Luglio 2018 | 01:23

a rionero

Crob, «Ricerca al collasso
molti di noi già senza lavoro»

Si chiede un «urgente e serio» piano di stabilizzazione

ricercatori Crob

di ALESSANDRO BOCCIA

RIONERO - Chiedono di continuare a fare il loro lavoro, con dignità e con il giusto riconoscimento economico, attraverso un «urgente e serio» piano di stabilizzazione. Sono i precari in servizio negli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico d’Italia, come il Crob di Rionero in Vulture.

Qui gli interessati sono una quarantina. Si tratta per lo più di biologi, biotecnologi, farmacisti, chimici e tecnologi del farmaco, psicologi, statistici, medici, tecnici, amministrativi e altro personale di elevata professionalità. Anche loro ieri hanno manifestato con un’ora di astensione dal lavoro contro l’approvazione del «testo unico» sul pubblico impiego. «La riforma “Madia” esclude dal piano di stabilizzazione della pubblica amministrazione gran parte di queste figure – hanno spiegato i manifestanti - come i ricercatori, altamente specializzate ed alle quali non possono più essere applicati i contratti atipici come i co.co.co».

Nel corso della manifestazione, i ricercatori hanno distribuito volantini alla cittadinanza per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla mancanza di soluzioni contrattuali che permettano loro di continuare a lavorare e garantire continuità alla ricerca sanitaria in Italia. «Lavoriamo nella ricerca sanitaria pubblica, facciamo cioè ricerca applicata, indipendente da interessi commerciali e con ricadute dirette sui pazienti. Per esempio, identifichiamo e valutiamo nuove cure, modalità diagnostiche, attività di prevenzione e servizi per i pazienti - hanno spiegato ieri durante il sit in – ma siamo precari da 5, 10, ma anche da 15 anni e oltre, pagati con borse di studio e contratti ‘atipici’ che non garantiscono i diritti di un contratto “tipico”, neanche quello a tempo determinato».

La mobilitazione di ieri mattina a Rionero in Vulture si è tenuta in tutti gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici italiani con iniziative locali. Si tratta di oltre 3500 professionisti in tutta il Belpaese che dal 1 gennaio 2018 rischiano di rimanere senza lavoro con ricadute sulla sostenibilità e il futuro della ricerca sanitaria pubblica. I ricercatori precari si sono riuniti in un coordinamento nazionale e chiedono che il problema venga risolto attraverso un piano programmatico nazionale che preveda la loro stabilizzazione nei ruoli sanitari, e lo stanziamento di fondi adeguati per renderlo sostenibile. «La ricerca sanitaria italiana sarà presto al collasso – hanno concluso i precari del Crob - molti di noi in tutta Italia sono già rimasti senza lavoro o saranno presto costretti ad abbandonare la nave. Questo avrà gravi conseguenze per la salute di tutti i cittadini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Furto sacrilego nella chiesa, rubato l’oro della Madonna

Furto sacrilego nella chiesa, rubato l’oro della Madonna

 
Nel Potentino scoperta truffa on line, una denuncia

Nel Potentino scoperta truffa on line, una denuncia

 
Via Sacra e L.go Pedio «pronti entro l’estate»

Via Sacra e L.go Pedio «pronti entro l’estate»

 
Potenza, migranti in marcia per la Giornata della Pace

Migranti, nel Potentino due denunce dei Carabinieri

 
Scandalo sanità in BasilicataPittella domani dal giudice.Sulla candidatura non molla

Scandalo sanità in Basilicata
Pittella oggi dal giudice.
Sulla candidatura non molla

 
Potenza si candida a Città europea dello Sport 2021

Potenza si candida a Città europea dello Sport 2021

 
Scandalo sanità, Quinto per 3 oredal giudice: «Ebbi segnalazioni»Mozione di sfiducia per Pittella

Scandalo sanità, Quinto
al giudice: «Ebbi segnalazioni»
Chiesta sfiducia per Pittella

 

GDM.TV

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 
Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

 
Negramaro a Lecce, il concertoallo stadio davanti ai 30mila

Negramaro a Lecce, il concerto allo stadio davanti ai 30mila

 
Lunghe assenze dall'ospedale, sospeso direttore medico a Campi Salentina

Campi, medico assenteista lasciava l'ospedale per andare nel suo hotel Vd

 
Si assentavano dal lavoro, sospesi 9 dipendenti del comune di Lecce

Tornano i furbetti del cartellino: beccati e sospesi 9 dipendenti del comune di Lecce

 
Bagarre in aula sul dl Palagiustizia tutti contro Bonafede: parte il coro «onestà»

Bagarre in aula sul dl Palagiustizia, parte il coro «onestà»

 

PHOTONEWS