Venerdì 20 Luglio 2018 | 20:29

I comuni fanno cassa

Circondati da autovelox
Potenza, record su una strada

Fioccano nuove apparecchiature: in viale dell'Unicef in 15 giorni ben 232 violazioni

Circondati da autoveloxPotenza, record su una strada

PIERO MIOLLA

Lucani vessati o indisciplinati, tanto da aver bisogno di divieti e imposizioni per rispettare i limiti di velocità? Il dibattito è tornato d’attualità alla luce dell’installazione di nuovi apparecchi di misurazione elettronica della velocità su alcune strade lucane, che hanno rinfocolato le polemiche e posto all’attenzione il fatidico dubbio: gli autovelox servono a far cassa oppure a garantire il rispetto per legalità e sicurezza? L’autovelox mobile preannunciato dal sindaco di Montescaglioso, Vincenzo Zito sulla Matera-Metaponto, le due postazioni fisse (in entrambi i sensi di marcia) già attive sulla Basentana, nei pressi del bivio per Macchia di Ferrandina, e, ancora la volontà del Comune di Pisticci di installarne uno nel suo territorio, per finire alla richiesta del sindaco di Potenza, Dario De Luca, di installare una postazione fissa sulla Potenza-Melfi, ci dicono che, o c’è nuovamente la necessità di imporre ai lucani il rispetto dei limiti di velocità e, con essi, garantire la sicurezza, oppure, molto semplicemente, i municipi intendono fare cassa. A discapito dei cittadini.

I sindaci, naturalmente, si difendono. E sottolineano che se gli automobilisti rispettassero i limiti, non ci sarebbe bisogno di siffatti strumenti. E, soprattutto, non ci sarebbero sanzioni. Che invece fioccano, a dimostrazione dell’indisciplina di taluni. Ma, a proposito di soldi, dove finiscono quelli delle multe? L’articolo 208 del Dlgs 285-92 prevede il vincolo di destinazione nella misura del 50% del gettito realizzato. Con alcuni limiti. Una quota non inferiore a un quarto della parte vincolata va destinata a interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica delle strade di proprietà dell’ente locale; un’altra, sempre non inferiore a un quarto della parte vincolata, per il potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l’acquisto dei mezzi e delle attrezzature necessarie; la residua quota per altre finalità collegate al miglioramento della sicurezza stradale: manutenzione delle strade di proprietà dell’ente, installazione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione di barriere e sistemazione del manto stradale delle strade comunali, interventi in favore della mobilità ciclopedonale e per la sicurezza stradale a tutela degli utenti disagiati, svolgimento di corsi didattici finalizzati all’educazione stradale presso le scuole di qualsiasi grado e tenuti dagli organi di polizia locale.

L’articolo 208 dispone che tale riparto venga stabilito annualmente dalla Giunta comunale, che potrebbe destinare anche una quota superiore al 50% alle finalità sopra elencate. Va però ricordato che l’articolo 142, comma 12 bis del CdS prevede che i proventi delle sanzioni sono attribuiti nella misura del 50% ciascuno all’ente proprietario della strada su cui è effettuato l’accertamento e all’ente da cui dipende l’organo accertatore. Che devono destinarli a interventi di manutenzione e messa in sicurezza delle infrastrutture stradali, comprese segnaletica stradale e barriere, al potenziamento dell’attività di controllo e accertamento delle violazioni. Il dubbio sull’effettivo scopo dei comuni, però, rimane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 
Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

 
Portavoce, l’indagine interna del Consiglio inguaia Fulgione

Portavoce, l’indagine interna
del Consiglio inguaia Fulgione

 
Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

 
«Totalgate», assolti in 4 per i lavori a Tempa Rossa

«Totalgate», assolti in 4
per i lavori a Tempa Rossa

 
Potenza, inchiesta Tempa Rossaassolti 4 dipendenti Total

Potenza, inchiesta Tempa Rossa
assolti 4 dipendenti Total

 

GDM.TV

Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 

PHOTONEWS