Martedì 17 Luglio 2018 | 23:30

scoperto a potenza

Su quel pianoforte
suonò Leoncavallo
compositore di «Pagliacci»

antico pianoforte

di MASSIMO BRANCATI

POTENZA - Un vecchio pianoforte, impolverato dal tempo e dall’incuria. Abbandonato in un anfratto del teatro Stabile di Potenza. I suoi tasti trasudano storia. Una storia che rischiava di essere dimenticata come accade per tante altre testimonianze che scivolano via tra l’indifferenza generale. Questa volta, però, è andata diversamente: lo strumento è stato strappato all’oblìo grazie all’impegno dell’amministrazione comunale sulla scia di una «leggenda metropolitana» secondo cui quel piano era stato suonato dal compositore Ruggero Leoncavallo (il maestro visse a Potenza tra il 1876 e il 1879). Vox populi confermata dai documenti storici che Pietro De Angelis, titolare di un B&B, è riuscito a scovare animato da tanta curiosità e, soprattutto, dalla voglia di valorizzare la città in ottica turistica. Tutto vero. Su quel piano ha appoggiato le sue dita il famoso compositore, figlio di Vincenzo, magistrato che lavorò a Potenza per diversi anni. Si dice che la sua opera più importante, «Pagliacci», abbia preso corpo proprio nel capoluogo lucano.

La scoperta giunge esattamente a 160 anni dalla nascita del maestro, anniversario che la città non si è fatta sfuggire. Ecco perché oggi, alle 11, sarà scoperta una targa in ricordo di Leoncavallo (a cui Potenza ha dedicato da tempo una via nella zona dello stadio Viviani) nel vicolo a ridosso del negozio Benetton, in via Pretoria. A seguire, intorno alle 12, ci sarà un incontro nel teatro Stabile durante il quale De Angelis illustrerà lettere e documenti di Leoncavallo sugli anni trascorsi a Potenza e racconterà alcuni aneddoti sullo storico piano. Tutta l’operazione è stata portata avanti grazie alla preziosa collaborazione di «Potenza turistica», gruppo facebook particolarmente attivo sul fronte della promozione territoriale. Legare il nome della città a Leoncavallo può rappresentare un fattore attrattivo, sul modello di quanto accade in altre località italiane dove l’accostamento a un artista del passato (musicista o scrittore che sia) costituisce un motivo di interesse da parte di potenziali visitatori.

Ruggero Leoncavallo fu uno degli esponenti più importanti del melodramma verista: ebbe, soprattutto nei «Pagliacci», forte senso drammatico e generosa ispirazione melodica. Pur avendo basi culturali più solide di altri veristi (era infatti laureato in lettere, cosa che gli permise di scrivere da sé i libretti di alcune sue opere), rimase confinato nella problematica della «giovane scuola» italiana, tra influssi di Verdi ed echi di Wagner. Tentò di svincolarsi dal verismo, ad esempio nella «Bohème» (1897), dalla vena comico-sentimentale, negli «Zingari» (1912), di gusto esotico, in «Edipo re» (1920), ma non fu più in grado di ritrovare quella concisione, quel vigore espressivo e quella vena melodica impetuosa ed incisiva che caratterizzano il suo capolavoro, «Pagliacci», quint’essenza del verismo musicale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Potenza, inchiesta Tempa Rossaassolti 4 dipendenti Total

Potenza, inchiesta Tempa Rossa
assolti 4 dipendenti Total

 
Inchiesta sanità, ex presidentePittella (Pd) resta ai domiciliari

Inchiesta sanità, ex presidente
Pittella (Pd) resta ai domiciliari

 
Lascia la toga per indossare il camice del gelataio

Lascia la toga per indossare
il camice del gelataio

 
Melfi, Ronaldo più forte della protestaFca: un flop; Ubs di sciopero riuscito

Melfi, Ronaldo più forte della protesta. Fca: un flop; Ubs: sciopero riuscito

 
CorteConti frena su 39 norme anche sui soldi al Frecciarossa

CorteConti frena su 39 norme
anche sui soldi al Frecciarossa

 
Furto sacrilego nella chiesa, rubato l’oro della Madonna

Furto sacrilego nella chiesa, rubato l’oro della Madonna

 
Nel Potentino scoperta truffa on line, una denuncia

Nel Potentino scoperta truffa on line, una denuncia

 
Via Sacra e L.go Pedio «pronti entro l’estate»

Via Sacra e L.go Pedio «pronti entro l’estate»

 

GDM.TV

Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 
Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

 

PHOTONEWS