Cerca

Martedì 24 Aprile 2018 | 23:12

tubature inadeguate

Il gelo mette a nudo la fragilità
della rete idrica in Basilicata

Erogazione sospesa in molti comuni. Servono investimenti

Acqua

PIERO MIOLLA

Più acqua scende dal cielo, sia sotto forma di pioggia che di neve, meno ne viene fuori dai rubinetti dei lucani. È una consuetudine che spesso sperimentiamo sulla nostra pelle. In questi giorni di neve e gelo, infatti, praticamente in tutti e 131 i comuni di Basilicata l’erogazione idrica è stata garantita a singhiozzo. Per gli utenti la responsabilità è di chi gestisce il servizio, cioè di Aql. Per la società, invece, delle temperature eccezionali e del periodo prolungato di gelo. Si spiegherebbero così tubature gelate, contatori scoppiati, mancanza di pressione nei tubi e svuotamento dei serbatoi cittadini determinati dalle precedenti sospensioni idriche.

La rottura sulla condotta del Frida ha lasciato a secco tanti comuni per almeno 3 giorni. Questo, però, è stato solo l’evento clou: quasi tutti i lucani, infatti, hanno subito altri piccoli disagi. A cosa sono dovuti tutti questi disguidi? D’accordo il gelo prolungato, al quale non siamo abituati, ma c’è anche un problema di tipo strutturale che riguarda non solo la vetustà della rete, ma anche le zone nelle quali i tubi vengono fatti passare. Il caso del Frida è emblematico: si è dovuti intervenire con un elicottero in condizioni quasi estreme. La vera domanda, però, è: nelle zone alpine, quando la temperatura scende sotto lo zero (e accade per periodi ben più lunghi di quelli che, nostro malgrado, abbiamo dovuto sopportare in questo inizio di 2017), si verificano gli stessi problemi?

Probabilmente no. Come anche da Aql lasciano intendere, infatti, nel Nord attrezzato c’è un’altra situazione. E allora, perché non si investe su nuove tecnologie, condutture (o tracciati che escludano le condotte da zone particolarmente soggette a smottamenti o, almeno, le collochino in aree di facile accesso), così come su nuovi contatori più resistenti al gelo, se esistono? Perché, rispondono da Aql, la società è solo un gestore. È la Regione Basilicata che deve investire e fornire i soldi necessari per questo cambiamento radicale. Insomma, par di capire, anche per vedersi garantito con continuità un servizio che, tra l’altro, pagano, i lucani devono aspettare che via Anzio decida di investire di più per eliminare la vetustà della rete invece di pensare solo ad incarichi e poltrone. Sebbene si tratti di un intervento costoso, nel lungo periodo esso tornerebbe sicuramente a vantaggio delle casse pubbliche, considerando che il marasma di questi giorni ha indubbiamente inciso sul bilancio di Aql, sia sotto forma di interventi di emergenza, che di eventuali risarcimenti dei danni ai cittadini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gaute

    16 Gennaio 2017 - 18:06

    Scusate ce non scrive bene loro bella lingua. Un piccolo proposto da mia esperienze in campagna norvegese. Quanto arriva il gelo, lasciare un rubinetto pochissimo aperto, creando un po’ di movimenti in tubi. Gaute Birkeland, Locorotondo

    Rispondi

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Nucleare, acque inquinatel'assessore riferisce in aula

Nucleare, acque inquinate
l'assessore riferisce in aula

 
Basilicata, nella terra del greggio «si impenna» costo carburanti

Basilicata, nella terra del greggio
«si impenna» costo carburanti

 
Potenza, picchia una bimba disabile arrestato un insegnante di sostegno

Potenza, picchia bimba disabile: arrestato insegnante di sostegno

 
«Più che strategico è un piano tragico»

«Più che strategico
è un piano tragico»

 
Sport, i valori raccontatidai filmare lucani

Sport, i valori raccontati
dai filmare lucani

 
Confesercenti, a Potenzachiudono 9 ditte al giorno

Confesercenti, a Potenza
chiudono 9 ditte al giorno

 
Convalidato sequestrovasche Itrec Rotondella

Convalidato sequestro
vasche Itrec Rotondella

 
Minaccia moglie, lei lo denunciaCarabinieri scoprono armi

Minaccia moglie, lei lo denuncia
Carabinieri scoprono armi

 

MEDIAGALLERY

Taranto, rapinatori seminano terrore in gioielleria e spaccano le vetrine

Taranto, rapinatori seminano terrore in gioielleria e spaccano le vetrine

 
Chieuti, uomo muore travolto da cavallo

Chieuti, uomo muore travolto da cavallo

 
Lecce, bullismo a scuola

Lecce, bullismo a scuola

 
L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo delle coste salentine

L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo coste salentine

 
La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

 
Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

 
Puglia, Papa Francesco ad Alessano

Puglia, Papa Francesco ad Alessano

 
Papa Francesco celebra messa a Molfetta

Papa Francesco celebra messa a Molfetta

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Italia TV
Aprira' a Roma la prima Smile House

Aprira' a Roma la prima Smile House

 
Mondo TV
Il killer di Toronto studente non legato al terrorismo

Il killer di Toronto studente non legato al terrorismo

 
Meteo TV
Previsioni meteo per mercoledi', 25 aprile 2018

Previsioni meteo per mercoledi', 25 aprile 2018

 
Spettacolo TV
'Il vecchio Banderas morto grazie a Picasso'

'Il vecchio Banderas morto grazie a Picasso'

 
Economia TV
Alitalia: Ue apre indagine, dubbi su prestito ponte

Alitalia: Ue apre indagine, dubbi su prestito ponte

 
Calcio TV
Champions, stasera Roma a Liverpool

Champions, stasera Roma a Liverpool

 
Sport TV
Motogp, oggi le libere ad Austin

Motogp, oggi le libere ad Austin