Sabato 21 Luglio 2018 | 10:07

sosta a potenza

Parcheggi in centro
«Serve equilibrio»

Valluzzi: «Non si penalizzi chi lavora e offre servizi»

Parcheggi in centro  «Serve equilibrio»

di Mimmo Sammartino

POTENZA - Il centro storico, che negli ultimi giorni si è andato sempre più svuotando, lancia un grido disperato per non perdere la sua ultima possibilità di sopravvivere. O di evitare di soccombere, che è quasi la stessa cosa. D’altronde, l’ultima campagna elettorale per l’amministrazione della città ha fatto registrare un coro - al di là delle differenze di partiti e fazioni - tutto proteso a ideare iniziative per farlo risorgere. Per riscattare la stagione in cui i negozi chiudevano e la comunità potentina disertava sempre più via Pretoria e i suoi vicoli. La questione del parcheggio delle auto - piano necessario, peraltro - se gestita con approssimazione, rischia di dare l’ultimo e definitivo colpo al centro cittadino. Un fendente che completa l’agonia causata dalla delocalizzazione nelle periferie e del commercio a Gallitello.

Nicola Valluzzi, presidente della Provincia, ricorda come ci si era proposti - anche da parte dell’attuale amministrazione municipale - di riportare in centro uffici, enti, istituzioni, servizi, esercizi commerciali. Si parlò addirittura di sollecitare sezioni dell’università, in modo da indurre i giovani a frequentare il cuore della città. Per la verità, in questa direzione, non molto è accaduto. Con qualche eccezione. Una di queste è stata proprio quella della Provincia. «Abbiamo compiuto scelte che vanno nella direzione di rivitalizzare e ripopolare il centro urbano - ricorda Valluzzi. - A cominciare dalla riapertura della villa del Prefetto e di torre Guevara. E poi col completamento della ristrutturazione del vecchio tribunale. D’altronde la Provincia ha già riportato in centro molti suoi uffici: personale, emigrazione, appalti, contenzioso, assicurazioni, protocollo. Circa 65 addetti. Ora toccherà all’ufficio ambiente e a quello patrimonio ed edilizia scolastica. Infine arriveranno anche l’ufficio viabilità e il Corpo della polizia provinciale. Un altro centinaio di persone, per un totale di circa 160 dipendenti».

E come si concilia tutto questo? Come si sposa l’agibilità a lavorare nel cuore della città - ma anche la necessità dei cittadini utenti di interloquire con gli uffici preposti - con l’introduzione dei parcheggi a pagamento? Un problema che coinvolge tutti gli operatori economici. I resistenti che, sino a oggi, hanno provato a non abbandonare il centro potentino: albergatori, ristoratori, commercianti d’ogni genere. Difficile pretendere da un lavoratore che possa lasciare ogni giorno, per otto-dieci ore di impegno, qualcosa come 12-15 euro per la sola sosta dell’auto. Stesso problema si pone per l’ospite in albergo o in un bed&breackfast. Un tempo alle auto dei clienti bastava esporre un permesso vidimato dall’albergatore. Ora, a quanto pare, non basta più.

Il grande rischio è l’effetto-rigetto. E l’ulteriore abbandono del centro cittadino appare ancora più grave in vista del Natale e del grande circo mediatico predisposto in piazza per la notte di Capodanno, con la diretta della Rai.

Ma il tema è: cosa dovrebbe fare il Comune? Rinunciare al pagamento dei ticket della sosta (cosa che avviene normalmente in tutte le città)? «Certo che no - osserva il presidente della provincia Valluzzi. - Ma lo snodo sta nella capacità di trovare una soluzione di equilibrio che non può non tener conto delle differenti esigenze esistenti. Che non colpisca l’economia, le realtà produttive e le condizioni di agibilità per chi lavora. Che distingua fra il parcheggiatore occasionale e chi, nel centro cittadino, opera e fornisce servizi alla collettività. Certo, è più complicato affrontare la complessità. Ma le semplificazioni non risolvono i problemi e rischiano di provocare ulteriori danni al centro storico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 
Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

 
Portavoce, l’indagine interna del Consiglio inguaia Fulgione

Portavoce, l’indagine interna
del Consiglio inguaia Fulgione

 
Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

 
«Totalgate», assolti in 4 per i lavori a Tempa Rossa

«Totalgate», assolti in 4
per i lavori a Tempa Rossa

 
Potenza, inchiesta Tempa Rossaassolti 4 dipendenti Total

Potenza, inchiesta Tempa Rossa
assolti 4 dipendenti Total

 

GDM.TV

Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, donna prigioniera del fuoco in casa: le grida di aiuto

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 

PHOTONEWS