Martedì 17 Luglio 2018 | 02:03

Parcheggi a pagamento

Le strisce blu «svuotano»
il centro storico a Potenza

Le strisce blu «svuotano»il centro storico a Potenza

Una città diversa, in alcune zone. In altre, la solita solfa. I parcheggi blu hanno spaventato gli automobilisti che si sono tenuti alla larga, ieri, giorno di rodaggio, da alcune zone che, nei giorni e negli anni scorsi, sono state prese d’assalto da guidatori selvaggi ai limiti dell’immaginario. Il centro storico di Potenza, ieri mattina, ha preso quasi le sembianze di un’unica area pedonale: in via San Luca, dove tra Uffici postali, Inps e Caserma dei Carabinieri ogni giorno era guerra per un posto fra residenti, commercianti e avventori, sembrava una tranquilla domenica estiva con infiniti parcheggi blu liberi.
Ma se il centro ha potuto respirare un po’ grazie al salato prezzo del posteggio, via Acerenza e piazza Crispi sono state prese d’assalto. A piazza Zara, grande e trafficato snodo di pendolari, di macchine neanche a parlarne. Certo, l’abitudine di parcheggiare i doppia o tripla fila in zone molto trafficate come via Vaccaro, viale Marconi, via Mazzini o viale Verrastro, sarà dura da eliminare. Ma a questo penseranno i vigili urbani e lo «Street control». Trenta i parcometri istallati nelle aree di sosta a pagamento (con l’impegno a breve di aumentarne il numero) che hanno dato filo da torcere a quei diligenti automobilisti che hanno fatto da cavia: i parcometri funzionano con gli spicci, sì ma contati perché non danno resto. E poi la segnaletica, quella vecchia, non ancora sostituita con la nuova. Un po’ di caos, certo, come tutte le novità che devono essere assimilate, perché la sosta a pagamento divide: facendo un giro per la città abbiamo trovato persone che sono assolutamente in disaccordo con la scelta dell’amministrazione comunale di disciplinare le aree di sosta a pagamento e persone che pensano che questo nuovo regolamento sia una benedizione per la città.
I pareri sono discordanti anche fra i residenti del centro storico: c’è chi è assolutamente contrario a pagare «una somma così alta per un permesso, quando prima costava poco più di una trentina d’euro» e c’è chi è «contento del fatto che ci siano queste tariffe sia per i permessi che per i grattini, così riusciamo ad entrare a casa senza trovare macchine parcheggiate davanti all’uscio». La maggior parte, però, sostiene che «pagare 1.50 euro per un’ora nel centro storico di Potenza è un’esagerazione». «In questo momento – ha spiegato l’assessore Bellettieri – c’è bisogno della collaborazione di tutti, confronto e disponibilità per arrivare alla civiltà.
Verranno installati, a breve, altri parcometri, ora sono 30, 90 sarebbe l’ideale. Per quanto riguarda i lavoratori, nel pubblico o nel privato, del centro storico abbiamo realizzato una convenzione ad hoc con il parcheggio di viale dell’Unicef, collegato al centro dalla scala di Santa Lucia: abbonamenti a 15 euro al mese, dalla prossima settimana sempre presso il dipartimento in via Nazario Sauro. Tante le novità e le informazioni che prossimamente saranno dettagliatamente spiegate ai cittadini in una conferenza stampa. Io sono a disposizione per qualsiasi domanda o chiarimento, collaboriamo tutti affinché le strade della città siano più sicure».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

CorteConti frena su 39 norme anche sui soldi al Frecciarossa

CorteConti frena su 39 norme
anche sui soldi al Frecciarossa

 
Furto sacrilego nella chiesa, rubato l’oro della Madonna

Furto sacrilego nella chiesa, rubato l’oro della Madonna

 
Nel Potentino scoperta truffa on line, una denuncia

Nel Potentino scoperta truffa on line, una denuncia

 
Via Sacra e L.go Pedio «pronti entro l’estate»

Via Sacra e L.go Pedio «pronti entro l’estate»

 
Potenza, migranti in marcia per la Giornata della Pace

Migranti, nel Potentino due denunce dei Carabinieri

 
Scandalo sanità in BasilicataPittella domani dal giudice.Sulla candidatura non molla

Scandalo sanità in Basilicata
Pittella oggi dal giudice.
Sulla candidatura non molla

 
Potenza si candida a Città europea dello Sport 2021

Potenza si candida a Città europea dello Sport 2021

 

GDM.TV

Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 
Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

 

PHOTONEWS