Cerca

Giovedì 24 Maggio 2018 | 23:40

Il piano di rientro

Ospedali lucani accorpati
per evitare il crac sanità

Esplosione dopo fuga di gas anziano ustionato a Pisticci

«Non più contenitori indistinti e autoreferenziali ma entità organizzate in rete secondo gerarchie e complessità diverse»: il futuro degli ospedali lucani è condensato qui. In quella classificazione che è alla base della riorganizzazione del sistema sanitario regionale e che è contenuta in una delle prime pagine di un corposo documento, denominato «Analisi di contesto della rete ospedaliera regionale» inviato a tutti i consiglieri regionali. Un dossier in cui oltre alle valutazioni sulle prospettive, sulle scelte e sulle cose da fare vengono evidenziati, struttura per struttura, i ricavi e i costi. Dati che confermano senza dubbi come la gran parte degli ospedali lucani «produca un disavanzo superiore al 10 per cento del valore dei ricavi, risultando in piano di rientro». E soprattutto come l’unica àncora di salvezza dalle norme previste nei Piani di rientro e di conseguenza da un concreto rischio di chiusura sia l’aggregazione con il «San Carlo». Perché il «San Carlo» e l’ Irrcs Crob di Rionero sono le uniche strutture che «chiudono con un risultato positivo». Spulciando quelle cifre, infatti, si evidenzia come anche sommando i debiti e gli introiti di tutti gli ospedali lucani, Irrcs Crob compreso, il saldo sia negativo. Di ben 13 milioni 353mila euro. Una cifra tutto sommato accettabile, in grado di evitare la mannaia dello Stato. Nella riorganizzazione, però, non c’è l’unione di tutte le strutture. Nonostante un primo momento si fosse ipotizzato di accentrare sul «San Carlo», tenendo fuori solo il Crob (con un disavanzo che a quel punto diventava di 26 milioni 589mila euro). Il progetto oggi prevede di dividere il Potentino ed il Materano. Accorpando al «San Carlo», con un bilancio in attivo di 7 milioni 894mila euro, gli altri ospedali del territorio che altrimenti andrebbero, in Piano di rientro. Questo perché Melfi, ad esempio, ha un disavanzo di 9 milioni 653mila euro, Lagonegro di 8 milioni 501mila euro e Villa d’Agri di 8 milioni 104mila euro. Debiti che portando dritti dritti alla scure del Piano di rientro nazionale. Il «San Carlo», dunque, può essere l’unica arma per evitarlo. Così come nel Materano l’unione tra Matera (con oltre un milione di crediti) e Policoro (con un disavanzo di 7 milioni e 215mila euro ) può evitare nuovi riflessi negativi. Senza ripercussioni, tra l’altro, considerato che debiti e crediti tra le diverse strutture pur arrivando ad una sommatoria negativa (meno diciotto milioni 634mila euro per il Potentino e meno 6 milioni e 205mila euro) non sforano il tetto del dieci per cento previsto dalle norme nazionali per far scattare il Piano di rientro. Un buon motivo - secondo quando ipotizza la Regione - per far diventare il «San Carlo» l’àncora di salvezza degli ospedali del Potentino e Matera di quelli del Materano. Perché la freddezza dei numeri è incontestabile. Certo, però, questo non è sufficiente a placare timori e perplessità. Non è sufficiente a rendere meno tesa la discussione sulla riorganizzazione del sistema sanitario. Un dibattito che va avanti da tempo e che la maggioranza consiliare non sembra destinata a chiudere in breve tempo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

cagnolino

Appello al Comune di Lavello perché aiuti il cagnolino Diffi

 
«Chiedimi scusa», e picchiaun giovane in sala giochi

«Chiedimi scusa», e picchia
un giovane in sala giochi

 
Schianto sulla Melfi Potenzamuore un uomo

Schianto sulla Melfi Potenza, muore un uomo

 
Area industriale, l'accordoComune-Asi parte dal ponte

Area industriale, l'accordo
Comune-Asi parte dal ponte

 
In estate due fermate del Frecciargento a Maratea

In estate due fermate del Frecciargento a Maratea

 
Melfi pronta a produrre i modelli alta gamma Fca

Melfi pronta a produrre i modelli alta gamma Fca

 
Rapina in banca a Venosacatturato un cerignolano

Rapina in banca a Venosa
catturato un cerignolano

 

MEDIAGALLERY

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

 
Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

 
Blitz a Taranto contro gang di narco rapinatori: «Te lo vuoi fare il dottore?»

Blitz a Taranto, le intercettazioni: «Te lo vuoi fare il dottore?»

 
Rapinatori cantanti incastratida un video su You Tube

Rapinatori cantanti incastrati
da un video su You Tube

 
Emergenza cinghiali a Bari22 catturati e trasferiti in riserva

Emergenza cinghiali a Bari
22 catturati e trasferiti in riserva

 
Restart, così i piatti del futuro di Ladisa  a Bari

Restart, così i piatti del futuro di Ladisa a Bari

 
In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

 
Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

 
Molestie su minorenni, polizia arresta 51enne

Molestie su ragazzine, polizia arresta 51enne VIDEO

 

LAGAZZETTA.TV

Economia TV
L'idroscalo di Milano si rifa' il look, stop ad alghe e cura del verde

L'idroscalo di Milano si rifa' il look, stop ad alghe e cura del verde

 
Italia TV
In Italia 118mila persone con sclerosi multipla

In Italia 118mila persone con sclerosi multipla

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Mondo TV
Trump ha scritto a Kim per cancellare il vertice

Trump ha scritto a Kim per cancellare il vertice

 
Sport TV
Vittoria Trump, basta giocatori in ginocchio a inno

Vittoria Trump, basta giocatori in ginocchio a inno

 
Meteo TV
Previsioni meteo del weekend

Previsioni meteo del weekend

 
Spettacolo TV
I sogni che nascono in Armenia

I sogni che nascono in Armenia

 
Calcio TV
Finito incontro, Ancelotti lascia sede Filmauro

Finito incontro, Ancelotti lascia sede Filmauro