Venerdì 20 Luglio 2018 | 09:04

dopo dieci anni di precariato

Potenza, cinque ex dipendenti
trascinano il Coni in tribunale

POTENZA - Cinque precari del Coni di Basilicata mandati a casa senza preavviso dopo circa dieci anni di lavoro subordinato pagato con contratti che sarebbero irregolari. Una mattina di metà ottobre i cinque hanno trovato la porta chiusa degli uffici, né Il presidente regionale né il segretario regionale hanno saputo dare una motivazione all’accaduto. L’antefatto sarebbe il ricorso presentato dagli stessi dipendenti «defenestrati» che dopo dieci anni di attività hanno chiesto di vedersi riconosciuti i propri diritti di lavoratori all’interno della struttura (il ricorso sarebbe stato presentato i a luglio 2015).

Dal 2006 lavoravano all’interno del Coni: ognuno aveva un compito assegnato. Negli altri comitati d’Italia le mansioni affidate ai soli dipendenti con contratto a tempo indeterminato, a Potenza - secondo i denuncianti - venivano eseguite da collaboratori, sulla carta assunti con contratti di prestazione tecnico-sportiva ma nello stato di fatto con responsabilità ed impiego effettivo al pari dei dipendenti.

I cinque «epurati» si erano rivolti anche al presidente nazionale del Coni, Malagò che aveva promesso loro di supervisionare la situazione con l’obiettivo di porvi un rimedio. Le promesse di Malagò comprendevano un contratto di collaborazione piena fino a dicembre 2015 a cui avrebbe fatto seguito l’assunzione. Ma l’impegno è stato disatteso. Inoltre, dalla ridistribuzione del personale del Coni, resa necessaria per porre rimedio a situazioni paradossali come quella in Campania che prevedeva decine di esuberi sul personale (in Basilicata erano previste 3 carenze, essendoci al tempo dei fatti un solo dipendente), due venivano mandati ad occupare due delle tre carenze previste da circolare Coni, due colleghi trasferiti dal Coni Campania.

Sulla situazione dei cinque lavoratori tutto tace. E così, dopo dieci anni di vita all’interno della struttura, trovano il coraggio di avviare un’azione legale, denunciando, tra l’altro, parentele, favoritismi e carriere «pilotate». Oggi si svolgerà la prima udienza della causa giudiziaria: «Cercheremo - tuonano i cinque ormai ex lavoratori - di portare alla luce tanti scheletri nascosti negli armadi di chi dovrebbe predicare valori sinceri ai giovani attraverso lo sport e invece preferisce che lo sport segua la scia di corruzione e malaffare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

 
Portavoce, l’indagine interna del Consiglio inguaia Fulgione

Portavoce, l’indagine interna
del Consiglio inguaia Fulgione

 
Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

 
«Totalgate», assolti in 4 per i lavori a Tempa Rossa

«Totalgate», assolti in 4
per i lavori a Tempa Rossa

 
Potenza, inchiesta Tempa Rossaassolti 4 dipendenti Total

Potenza, inchiesta Tempa Rossa
assolti 4 dipendenti Total

 
Inchiesta sanità, ex presidentePittella (Pd) resta ai domiciliari

Inchiesta sanità, ex presidente
Pittella (Pd) resta ai domiciliari

 
Lascia la toga per indossare il camice del gelataio

Lascia la toga per indossare
il camice del gelataio

 
Melfi, Ronaldo più forte della protestaFca: un flop; Ubs di sciopero riuscito

Melfi, Ronaldo più forte della protesta. Fca: un flop; Ubs: sciopero riuscito

 

GDM.TV

Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 

PHOTONEWS