Sabato 21 Luglio 2018 | 21:39

A Potenza

Donna morta al San Carlo
In aula depone il primario

operazione, intervento chirurgico

POTENZA - Nel verbale post operatorio «ho indicato solo il mio nome e quello del dottor Michele Cavone, ovvero i due medici che hanno eseguito l’intervento: non ho inserito i nomi di Fabrizio Tancredi e di Matteo Galatti, presenti uno all’inizio e uno alla fine, per una semplice superficialità, forse ho commesso un errore in buona fede ma ero abbattuto per l’esito dell’operazione e non ho pensato ai dettagli della burocrazia».

Il cardiochirurgo Nicola Marraudino - primario del reparto di Cardiochirurgia dell’ospedale San Carlo di Potenza e imputato in un processo, a vario titolo, per abuso d’ufficio e omicidio colposo con altri medici, Michele Cavone e Matteo Galatti - ripercorre in questo modo la compilazione del verbale post operatorio di Elisa Presta, morta a 71 anni nel 2013, in seguito a un intervento per la sostituzione di una valvola aortica. «Ero scosso per l’esito dell’operazione e ovviamente dispiaciuto - ha aggiunto Marraudino rispondendo alle domande del pm - ma non ho badato ai dettagli del verbale e non pensavo di dovermi difendere, forse avrei dovuto immaginare le lettere anonime di qualche collega zelante».

Il cardiochirurgo ha poi riferito alcuni passaggi di quella giornata: «Quella mattina ho chiamato il cardiochirurgo di guardia, che poi era Galatti, e Cavone si offrì di essere presente fino all’arrivo di Tancredi, che era in leggero ritardo. Quando mi hanno avvisato dell’emorragia sono andato io in sala operatoria e sono intervenuto». Secondo il medico, le complicanze nel corso dell’intervento sono possibili, e la procedura di apertura dello sterno della paziente «per me è stata eseguita correttamente, non ero presente ma penso di poterlo affermare: dopo l’emorragia, che ho fermato, ho ritenuto opportuno continuare a operare perché, in questo modo, avevo una percentuale, anche se minima, di salvare la paziente. Se non lo avessi fatto - ha concluso - non ci sarebbe stata alcuna possibilità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Potenza, blitz nella notte: spuntaun ripetitore. «Non è autorizzato»

Potenza, blitz nella notte: spunta un ripetitore. «Non è autorizzato»

 
Melfi, un 23enne incensuratoarrestato per spaccio di droga

Melfi, un 23enne incensurato
arrestato per spaccio di droga

 
Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 
Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

 
Portavoce, l’indagine interna del Consiglio inguaia Fulgione

Portavoce, l’indagine interna
del Consiglio inguaia Fulgione

 
Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

Sanitopoli lucana, respinta mozione di sfiducia per Pittella

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS