Cerca

i dati della basilicata

Fisco, nel 2015 scovati
dalla Gdf 106 sconosciuti

Denunciate 166 persone responsabili di 156 reati fiscali, di cui il 70% per illeciti di emissione di fatture per operazioni inesistenti

Guardia di Finanza

POTENZA - La Guardia di Finanza, nell’ambito dei controlli sull'evasione e le frodi fiscali, nel 2015 ha concluso in Basilicata 111 indagini di polizia giudiziaria, a cui si aggiungono 924 fra verifiche, controlli ed altri interventi a tutela degli interessi erariali comunitari, nazionali e locali: sono stati denunciate 166 persone responsabili di 156 reati fiscali, di cui il 70% per illeciti di emissione di fatture per operazioni inesistenti e dichiarazioni fraudolente, occultamento di documentazione contabile e indebita compensazione.


I dati sono stati resi noti, in un comunicato, dal Comando regionale della Basilicata: i militari hanno scoperto 106 soggetti completamente sconosciuti al fisco, e 35 datori di lavoro che hanno impiegato 64 lavoratori in «nero» e 56 lavoratori irregolari. Nel 2015, inoltre, sono state sequestrate disponibilità patrimoniali e finanziarie per il recupero delle imposte per 7,8 milioni di euro, con proposte di sequestro per 17,1 milioni. Sono state anche scoperte 22 violazioni nel campo delle imposte sulla produzione e sui consumi, con la denuncia di sei persone, responsabili di reati in materia di prodotti energetici; 17 gli interventi eseguiti negli impianti di distribuzione di carburante, con 16 casi di irregolarità. Nel corso delle indagini sulla spesa pubblica sono state denunciate 63 persone, con 29,2 milioni di finanziamenti pubblici percepiti indebitamente: i militari hanno anche scoperto truffe nel settore previdenziale e al Sistema sanitario nazionale per 1,1 milioni di euro, con la denuncia di 128 soggetti.

Nell’ambito di 35 accertamenti svolti su delega della Corte dei Conti, sono stati segnalati sprechi o gestioni irregolari di fondi pubblici per 34,1 milioni di euro (e la segnalazione di 322 persone): sono inoltre stati controllati appalti pubblici per un ammontare complessivo di 107 milioni di euro, da cui sono emerse irregolarità per 14,6 milioni (denunciate 5 persone). Nel corso del 2015, infine, la Finanza ha eseguito 103 interventi per il contrasto alla pirateria informatica(denunciando 46 persone e sequestrando 160.354 prodotti illegali) e sono state 7.454 le tonnellate di generi agroalimentari sequestrasti, in quanto contraffatti o prodotti in violazione alla normativa sul «Made in Italy»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400