Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 15:20

Scale mobili e trasporti Potenza cambia verso costi ridottidi 10 milioni

Scale mobili e trasporti Potenza cambia verso costi ridottidi 10 milioni
MIMMO SAMMARTINO
POTENZA - Oggi il Comune di Potenza ha siglato con la ditta Trotta di Roma il nuovo contratto bianellae (scade il 31 dicembre 2017) per la gestione del trasporto pubblico e delle scale mobili in città. Si avvia, nella sostanza, l’era del dopo-Cotrab a Potenza. Il passaggio - che l’amministrazione De Luca aveva annunciato da tempo - ha subito un rallentamento a causa di verifiche sull’assenza di fattori di impedimento, da parte della ditta capitolina, a poter partecipare a gare pubbliche. Verifiche che, nel frattempo, sono state effettuate e si sono concluse con esiti positivi per l’impresa. La voce di una conclusione di questa vicenda del trasporto pubblico nella città capoluogo, che si trascina da molti mesi, è circolata informalmente nella giornata di ieri per le stanze istituzionali e con messaggi, talvolta criptici, sui social media.

Lo snodo del trasporto pubblico, insieme alla vicenda dei rifiuti, secondo l’amministrazione comunale in carica, ha rappresentato il fattore maggiormente critico che ha portato il Comune all’ennesimo dissesto. Di qui la decisione di mettere mano in entrambi questi due settori. Nel campo del trasporto urbano (autobus in città e gestione delle quattro scale mobili) il piano del Comune è stato quello di ridurre la spesa di oltre la metà: si passerà infatti dai 15 milioni e 800 mila euro annui che il Comune versava a 6 milioni e mezzo. Una politica di risparmi che naturalmente riguarda anche altri settori (si pensi alle pulizie, alle mense, agli stessi costi interni) e che, inevitabilmente, sta creando impatti dolorosi nei confronti di quanti, in quei settori, prestavano servizio. Il più delle volte con magre retribuzioni e che, nell’ambito di politiche di razionalizzazione di servizi e risorse, hanno pagato (stanno pagando) sulla loro pelle politiche assai approssimative.

Ma, a parte il non trascurabile aspetto dei costi, che cosa cambierà concretamente con la nuova gestione Trotta? Il servizio, secondo il piano, avrà durata di due anni: dal 2016 alla fine del 2017, quando la materia passerà in mano alla Regione. Con la nuova gestione l’amministrazione De Luca ha annunciato la riapertura di tutte e quattro le scale mobili (al momento è ancora chiuso il ponte attrezzato, con la scala mobili di Santa Lucia). Inoltre, seppure formalmente il nuovo soggetto gestore dovrebbe avviare la propria attività a partire dal primo gennaio, l’amministrazione auspica di poter dare un segnale di riavvio del servizio alla città già nelle prossime settimane, prima di Natale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione