Cerca

Agricoltura, 9,7 milioni ai Consorzi di Bonifica della regione Basilicata

Agricoltura, 9,7 milioni ai Consorzi di Bonifica della regione Basilicata
POTENZA – Su proposta dell’assessore all’agricoltura, Luca Braia, la Giunta regionale ha approvato la ripartizione ai tre Consorzi di Bonifica dei fondi stanziati con la legge di Bilancio 2015 per garantire in via prioritaria gli interventi necessari ad assicurare la funzionalità degli impianti irrigui, della connessa rete scolante e dei lavori urgenti per il ripristino e la manutenzione delle opere infrastrutturali. Lo ha reso noto l’ufficio stampa precisando che "lo schema di ripartizione prevede circa 2,2 milioni di euro (in totale sono 9,7) in più rispetto agli anni precedenti per le attività di manutenzione l’assegnazione dei fondi su tre capitoli di spesa al Consorzio di Bonifica Alta Val D’Agri, al Consorzio di Bonifica Vulture Alto Bradano e al Consorzio di Bonifica di Bradano e Metaponto".

"Dopo il commissariamento di inizio legislatura – ha evidenziato Braia – è cominciata una operazione di risanamento e di rimessa in efficienza di un ente che eroga servizi strategici e vitali per l’agricoltura lucana. La qualità delle reti che, solo per il Consorzio di Bradano e Metaponto sono lunghe 1600 Km, significa sicuramente meno spreco della preziosa risorsa acqua e la garanzia di sevizi essenziali per l’intero settore. Risanare i bilanci e investire nel rifacimento e nella manutenzione delle reti e dei canali è un punto dolente da anni e che vogliamo, insieme al commissario Musacchio aggredire e provare a risolvere, consapevoli delle risorse e degli investimenti da mettere in campo. Il trasferimento di 9,7 milioni di euro per i tre consorzi di Basilicata (+2,2 rispetto allo scorso anno) sono un importantissimo segnale, così come il pagamento degli arretrati a tutti i dipendenti che ora possono serenamente concentrarsi sulle qualità delle prestazioni. E' in fase di elaborazione anche un progetto per la realizzazione di impianti per il recupero energetico attraverso l'utilizzo di turbine da installare sui principali salti presenti lungo la rete. Ciò – ha concluso l’assessore - permetterà di ricavare, nel tempo, risorse aggiuntive che, insieme al recupero dei morosi ancora esistenti (anche se in riduzione), creeranno le condizioni ottimali per continuare l'opera di risanamento in attesa del consorzio unico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400