Cerca

Mercoledì 25 Aprile 2018 | 14:20

Pertusillo, morìa di pesci Gli esperti: «Colpa del caldo»

Pertusillo, morìa di pesci Gli esperti: «Colpa del caldo»
di PINO PERCIANTE

«Nessuna traccia di idrocarburi». Ad uccidere i pesci nel Pertusillo non è stato il petrolio. Lo hanno stabilito le autopsie eseguite nell’istituto di zooprofilassi di Puglia e Basilicata. Nei resti della carpe non c’erano tracce di idrocarburi.

«Sono sostanze indigeribili e non possono svanire», spiegano gli addetti ai lavori. I risultati delle prime analisi escludono anche l’avvelenamento da pesticidi. Per capire perché i pesci sono morti bisognerà attendere i primi giorni della settimana entrante quando saranno pronti gli esiti degli ultimi esami condotti dai tecnici dell'Istituto di zooprofilassi a Foggia. I test, infatti, sono ancora in corso per vedere se all’interno dei pesci ci sono tossine (microcistine) prodotte da qualche alga o oppure tracce di metalli pesanti.

Il direttore sanitario dell’istituto zooprofilattico, Antonio Fasanella, è ottimista per i risultati già raggiunti: «I contaminanti più pericolosi come gli idrocarburi e i pesticidi non ci sono. Non abbiamo trovato niente». Le analisi, quindi confermerebbero, quello che i tecnici hanno sospettato fin dall’inizio quando i resti dei pesci sono arrivati nei laboratori per essere analizzati. La morìa potrebbe essere colpa di qualche alga prodotto del gran caldo di questi giorni. I pesci, quindi, sarebbero stati vittime incolpevoli delle intense temperature del periodo che avrebbero favorito la proliferazione di alghe la cui presenza riduce l’ossigeno nell’acqua.

È la stessa spiegazione che fu data cinque anni, fa quando si verificò la prima morìa (salvo poi fare marcia indietro e parlare di fenomeno probabilmente collegato al cattivo funzionamento dei depuratori o a scarichi abusivi). Ma si fa strada anche un’altra ipotesi: i pesci morti potrebbero essere quelli del fiume Agri (dove lo scorso 24 luglio, come si ricorderà, si è verificata un’altra morìa) trasportati poi nel Pertusillo dalle correnti. Resta, però, il giallo della «macchia oleosa» notata sulla superficie del lago, vicino allo sbarramento, dove c’erano le carpe morte.

«Non è petrolio», assicurano gli addetti ai lavori. Ancora qualche alga in coincidenza con l’aumento delle temperature, come accadde cinque anni fa, oppure qualche sversamento abusivo? I tecnici dell’istituto zooprofilattico avrebbero dovuto fare accertamenti anche per verificare se la causa della morìa sia riconducibile alla presenza di un batterio. Ma sarà difficile stabilirlo - spiegano dall’istituto - dal momento che i resti dei pesci erano in avanzato stato di decomposizione. E così dopo cinque anni il mistero del Pertusillo non viene ancora svelato e questo genera timori e inquietudini nella popolazione e nelle associazioni ambientaliste. Le istituzioni continuano a rassicurare sui livelli di inquinamento della diga ma questo non contribuisce ad eliminare dubbi e sospetti nella gente. Intanto, a giorni si dovrebbero conoscere anche gli esiti dei campionamenti fatti dall’Arpab.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Potenza, rione Betlemme, il luogo della tragedia (Foto Tony Vece)

Tragedia a Potenza, padre Foto
uccide il figlio e poi si suicida

 
Torna il «Volo dell’ Angelo» l’ebbrezza e la magia 

Torna il «Volo dell’ Angelo»
l’ebbrezza e la magia 

 
Acqua del Metapontino: sui dati indagherà una commissione

Acqua del Metapontino: sui dati
indagherà una commissione

 
Nucleare, acque inquinatel'assessore riferisce in aula

Nucleare, acque inquinate
l'assessore riferisce in aula

 
Basilicata, nella terra del greggio «si impenna» costo carburanti

Basilicata, nella terra del greggio
«si impenna» costo carburanti

 
Potenza, picchia una bimba disabile arrestato un insegnante di sostegno

Potenza, picchia bimba disabile: arrestato insegnante di sostegno

 
«Più che strategico è un piano tragico»

«Più che strategico
è un piano tragico»

 
Sport, i valori raccontatidai filmare lucani

Sport, i valori raccontati
dai filmare lucani

 

MEDIAGALLERY

Taranto, rapinatori seminano terrore in gioielleria e spaccano le vetrine

Taranto, rapinatori seminano terrore in gioielleria e spaccano le vetrine

 
Chieuti, uomo muore travolto da cavallo

Chieuti, uomo muore travolto da cavallo

 
Lecce, bullismo a scuola

Lecce, bullismo a scuola

 
L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo delle coste salentine

L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo coste salentine

 
La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

 
Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

 
Puglia, Papa Francesco ad Alessano

Puglia, Papa Francesco ad Alessano

 
Papa Francesco celebra messa a Molfetta

Papa Francesco celebra messa a Molfetta

 

LAGAZZETTA.TV

Italia TV
Vaccini: Italia in rimonta ma meta' regioni sotto soglia

Vaccini: Italia in rimonta ma meta' regioni sotto soglia

 
Mondo TV
Toronto, fiori e messaggi sul marciapiede della strage

Toronto, fiori e messaggi sul marciapiede della strage

 
Economia TV
Mediolanum: nel mirino Gdf 544 milioni imposte Irlanda

Mediolanum: nel mirino Gdf 544 milioni imposte Irlanda

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Meteo TV
Previsioni meteo per giovedi', 26 aprile 2018

Previsioni meteo per giovedi', 26 aprile 2018

 
Calcio TV
Champions, Roma ko 5-2 a Liverpool

Champions, Roma ko 5-2 a Liverpool

 
Spettacolo TV
Marion Cotillard moglie indimenticabile

Marion Cotillard moglie indimenticabile

 
Sport TV
Motogp, oggi le libere ad Austin

Motogp, oggi le libere ad Austin