Cerca

Vita amministratore unico di Acquedotto Lucano

Vita amministratore unico di Acquedotto Lucano
POTENZA – Michele Vita è l’amministratore unico di Acquedotto Lucano: lo ha eletto l’assemblea dei Soci che si è svolta oggi a Potenza. Vita è stato eletto all’unanimità dei presenti. All’assemblea hanno preso parte il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, ed 87 sindaci, in rappresentanza del 91,79% del capitale sociale.

In un comunicato dell’ufficio stampa è sottolineato che "Vita è il primo Amministratore Unico di Acquedotto Lucano e prende il posto del presidente Rosa Gentile e del Consiglio di Amministrazione entrato in carica il 5 aprile 2012. L’elezione è avvenuta in base all’articolo 16 dello statuto, così come modificato il 14 maggio 2014, che prevede che Acquedotto Lucano possa essere amministrato 'in via alternativa, su decisione  dell’Assemblea da un Amministratore unico, ovvero da un  Consiglio di Amministrazione composto da 5 componenti".

L'altra candidatura pervenuta entro il termine del 23 luglio scorso, quella del commissario straordinario dei Consorzi di bonifica lucani, Giuseppe Musacchio, era stata in precedenza ritirata. "Acquedotto Lucano – ha detto Vita – può ambire a migliorare costantemente il servizio idrico integrato valorizzando – insieme a tutta la sua organizzazione – il gioco di squadra con i sindaci della Basilicata".

L'Assemblea ha anche approvato il bilancio consolidato al 31 dicembre 2014, che presenta un risultato positivo di 59.456 euro.

"A tutto Acquedotto lucano, dai vertici ai dipendenti vanno i miei sentimenti di stima e l'apprezzamento per un percorso difficile e complesso che si è riusciti a portare a compimento. E’ stato svolto un lavoro positivo, con una grande capacità di recuperare fiducia e credibilità rispetto ai conti". Lo ha detto il Presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella (Pd), riferendosi all’assemblea dei soci di Acquedotto lucano.

"In una fase difficilissima – ha proseguito Pittella – la presidente Gentile, i dirigenti, gli amministratori e i dipendenti sono riusciti a condurre la società da un mare in tempesta in acque più quiete. Allo stesso tempo – ha evidenziato il governatore – ha fatto bene la Regione ad accompagnare Acquedotto lucano nell’elaborazione anche creativa della finanza, che ci mette ora nella condizione di poter trasferire in fatti concreti le risorse economiche".

Il presidente ha aggiunto che "l'obiettivo è quello del pareggio di bilancio: sarà difficile arrivarci ma ci riusciremo in un tempo dato, attraverso azioni sul versante del risparmio energetico e della spending review, come stiamo già facendo per le società partecipate, per gli enti strumentali e per la stessa Regione". Pittella ha poi ricordato "le battaglie ancora significative che bisogna combattere in tal senso", fra cui "il tavolo di concertazione sulle tariffe dell’acqua, quello con il Ministero e la Regione Calabria, il destino di Acqua Spa o dei Consorzi di bonifica. Stiamo provando – ha proseguito il governatore – a portare a sintesi i tanti soggetti che si occupano di acqua in Basilicata, in modo da creare nuove economie. Rientra in quest’ottica la nostra intenzione di internalizzare Acquedotto lucano Progettazione Srl".

Riferendosi alla nomina dell’amministratore unico di Al, il presidente ha sottolineato che "è una scelta inedita ma importante, che abbiamo preso nella consapevolezza che possa creare ancora più speditezza nel lavoro e nei rapporti". Dopo aver annunciato all’assemblea la decisione di Musacchio di ritirare la propria candidatura, il presidente si è soffermato su Michele Vita, definendolo "persona autorevole, nota per la sua professionalità e per capacità di interlocuzione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400