Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 01:51

Potenza, al San Carlo pazienti si raccontano in un loro «diario»

Potenza, al San Carlo pazienti si raccontano in un loro «diario»
POTENZA – Una sorta di "diario" dei pazienti e degli operatori per capire, a 360 gradi, la degenza, le eccellenze e le criticità dell’assistenza sanitaria nell’Ospedale San Carlo di Potenza, e quindi puntare a migliorarne ogni aspetto, valorizzando poi quelli che sono i punti di forza: sono alcuni degli obiettivi del progetto di "Medicina narrativa", presentato oggi a Potenza nel corso di un convegno che si è svolto nell’azienda ospedaliera.

Il progetto, finora, ha avuto una fase sperimentale con circa 250 diari compilati, e proseguirà a giugno con corsi di formazione degli operatori, continuando poi con la diffusione dell’iniziativa per tutti i pazienti. La "Medicina narrativa" nasce da una mozione presentata al Consiglio regionale della Basilicata da Mario Polese (Pd) e approvata dall’assemblea. La coordinatrice del gruppo di "Medicina narrativa", Angelapia Bellettieri, ha spiegato che "l'idea è quella di 'umanizzarè il rapporto con i degenti, andando oltre il semplice questionario, per ottenere invece il 'pensierò e le 'sensazionì dei pazienti".

Sono tre, infatti, i "diari" realizzati (paziente, operatori e assistenti), e dalla prima fase sperimentale è emerso un alto grado di fiducia nel San Carlo, e nei trattamenti ricevuti, anche dai degenti che provengono da fuori regione: viene anche evidenziata una certa "fretta" nelle cure, intese come un grado elevato di interesse per il trattamento a discapito del lato "umano" del ricovero.

"Dobbiamo porre l’accento – ha detto Polese – su questi aspetti sociali e umani, e con la mozione abbiamo provato ad andare proprio in questa direzione, e lo dimostra una genesi 'trasversalè del testo e la sua approvazione all’unanimità". Per l’assessore regionale alla Salute, Flavia Franconi, "questo va nell’ottica del miglioramento di tutti gli aspetti della cura, ed è importante capire a fondo le reazioni dei pazienti, anche per avere un Sistema sanitario sostenibile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione