Cerca

Petrolio, intesa tra Mise e la Regione Basilicata 130 milioni ai lucani

POTENZA – Il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Basilicata firmeranno un accordo attuativo per l’utilizzo delle risorse del "Fondo per la promozione di misure di sviluppo economico e per l’attivazione di una social card nei territori interessati dalle estrazioni di idrocarburi". Secondo quanto ha reso noto l’ufficio stampa della giunta regionale, circa 26 milioni di euro saranno destinati alla Social Card e circa 104 milioni di euro andranno a misure di sviluppo economico. In particolare 35 milioni di euro serviranno per incentivi al sistema produttivo lucano
Petrolio, intesa tra Mise e la Regione Basilicata 130 milioni ai lucani
POTENZA – Il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Basilicata firmeranno un accordo attuativo per l’utilizzo delle risorse del "Fondo per la promozione di misure di sviluppo economico e per l’attivazione di una social card nei territori interessati dalle estrazioni di idrocarburi": il Sottosegretario Simona Vicari e il governatore lucano Marcello Pittella hanno infatti sottoscritto oggi a Roma un preliminare di accordo.

Secondo quanto ha reso noto l’ufficio stampa della giunta regionale, circa 26 milioni di euro saranno destinati alla Social Card e circa 104 milioni di euro andranno a misure di sviluppo economico. In particolare 35 milioni di euro serviranno per incentivi al sistema produttivo lucano a alle piccole e medie imprese, artigiani, commercianti e lavoratori autonomi per gli investimenti in innovazione e per promuovere la competitività energetica e la riqualificazione energetico - ambientale del sistema produttivo; 69 milioni di euro sosterranno quindi alcune misure, tra cui i progetti di efficientamento energetico dei processi produttivi delle imprese e la promozione di soluzioni di mobilità sostenibile e di logistica merci a minor impatto ambientale.

Il sostegno al reddito sarà garantito da strumenti di incentivazione per l’accesso ad iniziative di inserimento occupazionale e sociale per i soggetti più vulnerabili: la misura è destinata ad assicurare un sostegno economico ai soggetti fuoriusciti dalla platea degli ammortizzatori sociali, ai disoccupati di lunga durata, ai disoccupati e agli inoccupati, anche "per non disperdere il patrimonio di competenze dei lavoratori espulsi dal mercato del lavoro, acquisite nelle diverse esperienze formative e lavorative, che rappresentano un valore aggiunto per tutto il territorio regionale".

Un Fondo per Comuni e Province sarà destinato all’ampliamento dei servizi offerti e all’assunzione presso cooperative, per stipulare nuovi contratti o ampliare quelli già in essere con le Cooperative sociali per l’erogazione di servizi nuovi o aggiuntivi a beneficio delle comunità locali. Un Fondo per l'occupazione stabile sul territorio regionale prevede concessione di incentivi fino a 10 mila euro all’anno per un massimo di due annualità in favore delle imprese o lavoratori autonomi che hanno o abbiano assunto, o che si impegnino ad assumere, uno o più lavoratori a tempo indeterminato full-time o part-time o che abbiano trasformato o si impegnino a trasformare un contratto a tempo determinato o atipico in un contratto a tempo pieno ed indeterminato.
Attraverso il Fondo per i progetti di utilità sociale saranno concessi contributi in favore di soggetti economici pubblici e privati che effettuino assunzioni a tempo determinato per un periodo massimo di 36 mesi e comunque fino al raggiungimento del diritto alla pensione del lavoratore interessato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400