Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 15:47

Frana minaccia abitato sgomberate 9 famiglie

di PINO PERCIANTE
MONTEMURRO (POTENZA) - Venticinque persone costrette a lasciare le proprie case. Dopo le forti piogge dei giorni scorsi che hanno colpito soprattutto il Lagonegrese e la val d’Agri, il terreno impregnato d’acqua ha causato una frana di grosse dimensioni a Montemurro. Cinque abitazioni per un numero di nove famiglie sono state evacuate sul versante in prossimità di via IV Novembre
Tozzi a Matera: basta consumo del suolo
Frana minaccia abitato sgomberate 9 famiglie
di PINO PERCIANTE

MONTEMURRO (POTENZA) - Venticinque persone costrette a lasciare le proprie case. Dopo le forti piogge dei giorni scorsi che hanno colpito soprattutto il Lagonegrese e la val d’Agri, il terreno impregnato d’acqua ha causato una frana di grosse dimensioni a Montemurro. Cinque abitazioni per un numero di nove famiglie sono state evacuate sul versante in prossimità di via IV Novembre. Per fortuna non si è registrato nessun ferito. Ma in tanti sono scesi in strada spaventati poco dopo le 22. 30 di mercoledì quando ha ceduto il pendio. La strada provinciale «11» è stata chiusa al traffico.

Alberi, fango e detriti sono caduti sulla strada dove per fortuna in quel momento non passava nessuno, altrimenti le conseguenze avrebbero potuto essere ben più gravi. Vigili del fuoco, Anas, carabinieri e operai del comune hanno dovuto lavorare tutta la notte per mettere in sicurezza la zona. Ieri mattina sono arrivati i tecnici di Provincia e Regione per fare un sopralluogo e valutare l’entità e la pericolosità dello smottamento. Tra le possibili cause, secondo gli esiti del sopralluogo, anche infiltrazioni provocate da una rottura della rete idrica e fognaria. Ma questa circostanza è ancora da verificare. C’è un’ abitazione proprio sul ciglio del fronte franoso che arriva fino a contrada Verdesca dove ci sono gli impianti sportivi.

La frana ha un fronte di circa 60 metri e un altezza di 70 metri. La via principale d’accesso al paese (Sp 11) è bloccata. Disagi anche nei collegamenti con il resto della val d’Agri. La Sp 11 serve anche per raggiungere Corleto, Armento e il pozzo di re iniezione Costa Molina 2.

«I disagi sono inevitabili – dice il sindaco di Montemurro Senatro Di Leo – ma non potevamo fare altrimenti. Inoltre, le previsioni meteo non promettono niente di buono per le prossime ore. Abbiamo messo subito in moto la macchina dell’emergenza e abbiamo già trovato una sistemazione per gli sfollati. Il territorio di Montemurro, come è noto, è a rischio ma in questa zona non era mai capitata una cosa del genere». Gli sfollati sono stati ospitati a casa di parenti, amici o in strutture messe a disposizione da cittadini. Non sono state fatte previsioni per il rientro nelle loro abitazioni. A breve è previsto un nuovo sopralluogo per valutare l’evoluzione del movimento franoso. Intanto, ieri pomeriggio aveva ripreso a piovere con il rischio che il pendio interessato dalla frana possa scivolare ancora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione