Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 07:17

Basilicata terza in Italia per l’assenteismo negli uffici pubblici

di AFRA FANIZZI
POTENZA -  dati più recenti, risalenti al 2013, sono della Cgia di Mestre. La Basilicata risulta essere la terza regione, a livello nazionale, in quanto ad assenteismo. Ben 17,5 i giorni di malattia all’anno per ogni dipendente pubblico. Certo, siamo molto lontani dai 21 giorni dei calabresi (la classifica tiene conto solo di dati regionali e non provinciali), ma la media è bella alta. Sarà anche per questo, che, a breve tutti i dipendenti regionali dovranno entrare ed uscire passando attraverso dei tornelli
Basilicata terza in Italia per l’assenteismo negli uffici pubblici
di Afra Fanizzi

I dati più recenti, risalenti al 2013, sono della Cgia di Mestre. La Basilicata risulta essere la terza regione, a livello nazionale, in quanto ad assenteismo.

Ben 17,5 i giorni di malattia all’anno per ogni dipendente pubblico. Certo, siamo molto lontani dai 21 giorni dei calabresi (la classifica tiene conto solo di dati regionali e non provinciali), ma la media è bella alta. La regione più virtuosa è il Trentino Alto Adige, dove i giorni di malattia arrivano appena a 13. Ad incidere su questi numeri, c’è sicuramente anche la vocazione impiegatizia del capoluogo lucano, che muovendosi tutto intorno al lavoro di grandi uffici, come quello regionale, è maggiormente tenuto sotto controllo.

Sarà anche per questo, che, a breve tutti i dipendenti regionali dovranno entrare ed uscire passando attraverso dei tornelli, che ufficialmente sono stati messi per monitorare gli ingressi nel palazzo dopo la vicenda delle microspie di qualche tempo fa, ma che di fatto saranno un vero e proprio controllo per i dipendenti stessi. Dotare la struttura di tornelli fa parte di un progetto di controllo informatizzato degli accessi nelle sedi degli Uffici regionali, che attraverso anche dei varchi a bandiera consentirà ai dipendenti di entrare e uscire solamente grazie alla “strisciata” del badge personale (che consentirà anche di rilevare la presenza sul posto di lavoro) e ugualmente i visitatori per eccedere agli uffici dovranno avvalersi di un badge temporaneo di registrazione.

La delibera che ha fissato questi cambiamenti riguarda tutte le sedi della Regione Basilicata: Potenza, Matera e Melfi. È bene sottolineare che i tornelli non sono messi per controllare i dipendenti che per ora non hanno commentato la novità, ma c’è da scommettere che il controllo sulle abitudini dei lavoratori sarà fatto e potrebbe anche restituire qualche dato importante. C’è comunque da sottolineare che nel settore pubblico ci si ammala statisticamente di meno rispetto al privato e questo perche il settore pubblico è meno soggetto a stress fisici, trattandosi proprio di lavoro impiegatizio.

Fatto sta che questo 2015 porta grandi novità per i regionali che magari cambieranno le loro abitudini in fatto di caffè e preferiranno prenderlo alle macchinette, di cui i corridoi sono disseminati, piuttosto che uscire ed andare al bar. La notte di capodanno, invece, i vigili urbani del capoluogo lucano si sono dimostrati virtuosi. Anche a Potenza c’è chi non è andato a lavoro, ma si tratta di persone a casa già da qualche giorno e non di malati dell’ultima ora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione