Cerca

Sud della Basilicata  arrivano gli inglesi in cerca di petrolio

di PINO PERCIANTE
POTENZA - Sono 18 sul sito Mise (ministero dello Sviluppo economico) le istanze di permessi per ulteriori ricerche di petrolio in Basilicata. Una di queste in teressa anche l’area del Lagone grese dove la notizia sta agitando non poco la popolazione. Si tratta del permesso di esplorazione de nominato «Tardiano». Un progetto petrolifero della so cietà Apennine Energy (control lata dall’inglese Sound oil) che coinvolge 8 comuni lucani
Sud della Basilicata  arrivano gli inglesi in cerca di petrolio
di Pino Perciante

LAGONEGRO - Sono 18 sul sito Mise (ministero dello Sviluppo economico) le istanze di permessi per ulteriori ricerche di petrolio in Basilicata. Una di queste interessa anche l’area del Lagonegrese dove la notizia sta agitando non poco la popolazione. Si tratta del permesso di esplorazione denominato «Tardiano».Un progetto petrolifero della società Apennine Energy (controllata dall’inglese Sound oil) che coinvolge 10 comuni: 8 in Basilicata (Grumento Nova, Lagonegro, Moliterno, Sarconi, Tramutola, Castelsaraceno, Spinoso e Lauria) e due in Campania (Casalbuono e Montesano).

Si tratta, per quanto riguarda la Basilicata, non di un territorio qualunque, ma ricco di risorse ad iniziare dall’acqua e dall’ambiente. Requisiti che oltre ad avvantaggiare le popolazioni del posto costituiscono anche un importante richiamo dal punto di vista turistico e culturale. «Se Rocco Papaleo dovesse girare qualche altro film in zona potrebbe essere costretto a districarsi tra pozzi e trivelle», scherza, ma neanche tanto, un cittadino di Lauria che preferisce mantenere l’anonimato. Preoccupazione viene espressa anche da un altro abitante: «Un angolo di paradiso che rischia di essere minacciato da questo progetto di trivellazioni. Pensiamo ad un incidente in un’area così ricca di acqua: qui ci sono alcune delle sorgenti che alimentano i principali acquedotti meridionali».

A Lauria sta nascendo un comitato spontaneo di cittadini. Qualcuno fa notare che non è un caso che questo comitato sorga proprio a Lauria che è la città natale del presidente della Regione, il quale, come è noto, considera il petrolio una risorsa per lo sviluppo e l’occupazione. Il comitato prima di assumere qualsiasi atteggiamento definitivo vuole acquisire ulteriori elementi sulla portata dell’istanza di permesso denominata «Tardiano» che potrebbe avere un domani un beneplacito. «Qui nessuno sa niente di preciso su questa richiesta – le parole del comitato - nonostante risalga a due anni fa».

La Apennine Energy ha chiesto di poter avviare ricerche il 28 febbraio del 2013. «Ma mentre i due comuni campani di Casalbuono e Montesano – osservano esponenti del comitato - hanno già dato parere negativo, nel Lagonegrese siamo ancora all’oscuro di tutto su questo permesso di ricerca e sull’eventuale decisione che gli organi preposti sarebbero sul punto di prendere». Sul sito mise risulta che l’istanza di permesso “Tardiano” (come quella denominata “La Bicocca”) attende ancora il parere della commissione idrocarburi e ricerche minerarie (Cirm), prima di passare (o no) alla fase di valutazione ambientale.

E sempre da quanto risulta dal Mise l’anno scorso il ministero, unitamente alla Regione, ha chiesto ulteriori chiarimenti con la documentazione necessaria sul progetto che la società petrolifera intende avviare. La mancata conoscenza, almeno fino a questo momento, della portata dell’iniziativa dell’Apennine Energy crea un clima di incertezza e scontento nell’opinione pubblica locale che non è disposta ad accettare interventi senza che ne abbia un’adeguata informazione sull’impatto ambientale. In questo quadro è previsto anche un incontro che il costituendo comitato “Salute e ambiente” di Lauria sta organizzando per i prossimi giorni con esperti della materia per informare la popolazione sui possibili rischi derivanti dall’industria estrattiva. Le altre istanze (16) sono in corso di valutazione ambientale che la Regione dovrà concludere entro il 31 marzo, come stabilito dal decreto “Sblocca Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400