Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 14:10

Il consigliere regionale vota sì a 240mila euro per la sua associazione

di ANTONELLA INCISO
POTENZA - L’ombra del conflitto d’interessi si allunga sul consigliere regionale del Pd della Regione Basilicata, Mario Polese per l’assegnazione di fondi regionali pari a 240mila euro, per gli eventi connessi alla stagione 2014 del Parco della Grancia per lo spettacolo «Storia bandita». Soldi destinati all’associazione «Spazio Grancia» di cui il consigliere regionale è socio fondatore con due consigliere comunali di Potenza e  Brindisi di Montagna
Il consigliere regionale vota sì a 240mila euro per la sua associazione
ANTONELLA INCISO
POTENZA
- Uno stanziamento pubblico, un’associazione fondata da un consigliere regionale e due consiglieri comunali ed un affidamento per una manifestazione definito «particolare» tanto da finire al centro di un’interrogazione al presidente della Regione. L’ombra del conflitto d’interesse si allunga sul consigliere regionale del Partito democratico, Mario Polese. Tutto a causa dell’assegnazione di fondi regionali per 240mila euro all’associazione «Spazio Grancia» per gli eventi connessi alla stagione 2014 del Parco della Grancia.

Associazione di cui il consigliere regionale è socio fondatore con altre due consigliere comunali: Donatella Cutro eletta a Potenza nella lista «S&D» e Rosa Pecora eletta a Brindisi di Montagna nella lista «Democratici progressisti». I soldi vengono erogati dalla Regione per l’organizzazione del cine- spettacolo (dopo essere stati approvati in Consiglio regionale) e, poi, il comune di Brindisi dopo aver pubblicato un avviso, successivamente saltato, per individuare il partner privato che avrebbe dovuto organizzare gli eventi, avvia una procedura negoziata a cui partecipa la sola associazione «Spazio Grancia», quella fondata dal consigliere Polese (società che dichiara di candidarsi in collaborazione con altre due associazioni). Ottenendo il finanziamento.

Un caso che fa insorgere l’opposizione che parla di «affidamenti particolari» e «soldi pubblici gestiti dai politici» e provoca un’interrogazione al presidente della Regione, Marcello Pittella. «È opportuno - precisa il consigliere regionale di Fdi, Gianni Rosa - che fondi regionali transitino dal Comune di Brindisi di Montagna e finiscano ad associazioni organizzate da “politici”? In altre parole, Polese approva lo stanziamento dei finanziamenti in Consiglio regionale per poi spenderlo con la sua associazione “Spazio Grancia” insieme alle colleghe, una di Potenza e l’altra di Brindisi. In barba a tanti giovani volontari». «Noi aspettiamo una risposta dal presidente della giunta - continua Rosa - a cui chiediamo trasparenza e direttive vincolanti rivolte ad enti beneficiari di finanziamenti regionali affinché i gestori di tali finanziamenti non abbiano nella compagine sociale amministratori regionali, provinciali e comunali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione