Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 00:56

Parco del Pollino, arriva la Carta europea del turismo sostenibile

ROTONDA - Investimenti, tra pubblico e privato, progetti di valorizzazione degli ambienti naturali e dei 56 comuni del Parco del Pollino. La Basilicata del sud e la Calabria del nord godranno d’ora in poi di un «vestito» del tutto nuovo in tema di certificazione della qualità ambientale dell’area protetta calabro-lucana, che dovrà essere mantenuto conforme ai precetti dettati da Europarc
Parco del Pollino, arriva la Carta europea del turismo sostenibile
ROTONDA - Investimenti, tra pubblico e privato, progetti di valorizzazione degli ambienti naturali e dei 56 comuni del Parco del Pollino. La Basilicata del sud e la Calabria del nord godranno d’ora in poi di un «vestito» del tutto nuovo in tema di certificazione della qualità ambientale dell’area protetta calabro-lucana, che dovrà essere mantenuto conforme ai precetti dettati da Europarc per rimanere nell’olimpo delle aree protette d’Europa. Al Parco del Pollino è stata, infatti, concessa la Carta Europea del Turismo Sostenibile.
L’importante notizia sarà illustrata oggi, ore 15, presso la sala riunioni della Comunità del Parco, a Castrovillari (Palazzo Gallo) presidente e dal direttore dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra e Annibale Formica, alla presenza dei presidenti dei Parchi nazionali del Sud Italia che sempre oggi si riuniranno nello stesso posto per un incontro operativo sulla partecipazione delle aree protette del bacino del Mediterraneo a Expo2015.

Il Parco del Pollino ha aderito alla Carta Europea del Turismo Sostenibile nella convinzione che questo strumento rappresenti un efficace modello di cooperazione con la propria comunità e fornisca un supporto essenziale per accrescere la qualità dell’of ferta turistica, anche perché rappresenta un importante momento di dialogo tra il Parco e la sua Comunità. Concessa il 7 novembre scorso, la Carta sarà materialmente consegnata durante una cerimonia l’11 dicembre a Bruxelles e dovrà essere sottoposta a rinnovo dopo cinque anni. Il processo di definizione della strategia e del Piano d’Azioni (61 azioni) per aderire alla CETS è iniziato ad aprile 2012 e si è concluso a dicembre 2013 con la valutazione da parte del valutatore spagnolo Josep M. Prats Santaflorentina.

Tra le azioni degne di nota vi è l’intenzione del Parco di acquisire i terreni compresi all’inter no di alcune delle aree di maggiore interesse naturalistico e paesaggistico al fine di poter realizzare una più continua ed intensa politica di tutela e valorizzazione. In particolare nelle aree dei boschi di quota e del piano poste nel cuore del Parco, intorno ai Piani di Pollino (risorse stimate 4milioni e mezzo di euro). Ma vi è anche il monitoraggio degli incendi; la tutela della Valle dell’Argentino; la regolamentazione delle attività che si svolgono sul fiume Lao; la georeferenziazione degli alberi «Padri», ovvero di quelli secolari e monumentali, ed altri.
Saranno, poi, continuate le indagini sulla percezione dei visitatori (ma anche quella della popolazione) e sulle caratteristiche della domanda turistica; incrementata l’accessibilità delle aree naturali e dei servizi e resa il più possibile aperta la fruizione del territorio del Pollino. Tra le azioni chiave rientra anche quella da poco varata del Marchio del Parco e diverse altre che riguardano il turismo culturale e i co-eventi organizzati dal Parco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione