Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 08:46

Per la Basilicata in fuoristrada 10 team per "Basilicata Land Off"

POTENZA – Sono dieci i team che si sfideranno nella prima edizione del “Basilicata Land Off”, il tour della Basilicata su fuoristrada guidati da normodotati e da copiloti infortunati sul lavoro: le tappe si svolgeranno dal 5 al 7 settembre, con partenza da Potenza e arrivo a Policoro (Matera). L'iniziativa è organizzata dall’associazione “Dinamica one” in collaborazione con l’Inail
Per la Basilicata in fuoristrada 10 team per "Basilicata Land Off"
POTENZA – Sono dieci i team che si sfideranno nella prima edizione del “Basilicata Land Off”, il tour della Basilicata su fuoristrada guidati da normodotati e da copiloti infortunati sul lavoro: le tappe si svolgeranno dal 5 al 7 settembre, con partenza da Potenza e arrivo a Policoro (Matera). L'iniziativa, organizzata dall’associazione “Dinamica one” in collaborazione con l’Inail, è stata presentata stamani a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, dal direttore vicario della sede regionale dell’Inail, Rosa Simini, dal presidente della “Dinamica one”, Raffaele Visone, e dall’assessore regionale all’ambiente, Aldo Berlinguer.

Dopo la partenza dal capoluogo lucano, la prima tappa attraversa il parco regionale di Gallipoli-Cognato, per proseguire il secondo giorno tra i calanchi e il parco della Murgia Materana. L’ultimo giorno è dedicato al Metapontino, con escursioni nell’area di Policoro. “L'importanza di questo progetto – ha detto Visone – è di unire una funzione sociale alla promozione del territorio, in un percorso di progetti e attività che la nostra associazione ha ormai consolidato, facendo vivere ai partecipanti esperienze uniche e avventure in angoli meravigliosi della nostra Basilicata, e non solo”.
Una visione condivisa anche da Simini, la quale ha sottolineato l'importanza “del reinserimento sociale degli infortunati sul lavoro attraverso lo sport, rafforzando l’autostima e superando i limiti individuali”. Berlinguer, infine, ha ricordato come “la società civile riveste un fondamentale ruolo sussidiario in queste dinamiche, senza dimenticare la fruizione dei parchi lucani e una finestra aperta sui tesori ambientali della nostra regione”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione