Cerca

Ecco il Pollino Music Festival Artisti di qualità nel Parco

A San Severino Lucano oggi torna il Pollino Music Festival. La XIX edizione della rassegna sarà in programma fino a domenica, proponendo al suo numeroso e affezionato pubblico una programmazione all'altezza del suo nome, che vede come ospiti di punta Brunori Sas, Krikka Reggae, Francesco Di Bella e Fofò Bruno.
Ecco il Pollino Music Festival Artisti di qualità nel Parco
A San Severino Lucano oggi torna il Pollino Music Festival. La XIX edizione della rassegna sarà in programma fino a domenica, proponendo al suo numeroso e affezionato pubblico una programmazione all'altezza del suo nome, che vede come ospiti di punta Brunori Sas, Krikka Reggae, Francesco Di Bella e Fofò Bruno. Oggi il percorso musicale seguirà «il cammino di Santiago in taxi» del cantautore calabrese Dario Brunori, sul filo della tensione irrisolta tra profondità e superficie, tra cuore e cervello. Vincitore del Premio Ciampi per il miglior disco d’esordio nel 2009, della Targa Tenco 2010 come miglior esordiente e protagonista più recentemente delle aperture dei concerti di Ligabue negli stadi, il cantastorie Brunori porterà sul palco di Piazza San Vincenzo il suo terzo lavoro discografico, insieme alla sua azienda musicale di successo.

Prima di fare tappa tra le rime del «Mambo reazionario» e del «Pornoromanzo» della Brunori sas, si potrà seguire anche la via della musica in levare, in compagnia della Krikka Reggae, la band bernaldese in tour per presentare il suo ultimo album «In viaggio». Nello zaino dei moderni pellegrini alla ricerca della buona musica indipendente troverà posto anche il rock dei romani The Wer, vincitori del concorso promosso dallo storico locale romano «Contestaccio», il rap made in Basilicata dei NociviElementi, selezionati tra i finalisti del concorso Arezzo Wave Basilicata, e l'ironia pugliese di Emilio Gallo & il Complesso.
Il cammino del Pmf proseguirà domenica pomeriggio, alle 17, nel Bosco Visciglie, location ideale del live acustico che vedrà protagonista l'ex leader dei 24 Grana, Francesco Di Bella, accompagnato dall'ipnotica chitarra di Fofò Bruno.

Le magiche e intime «Ballads» del duo chiuderanno la kermesse che, dopo aver festeggiato nella precedente edizione la maggiore età, ha evidentemente sviluppato gli anticorpi per resistere ad un'annata avversa, condizionata da «calamità burocratiche » e da risorse irrisorie. «Oramai lo stiamo dicendo da diversi anni», spiega il direttore del Festival Nico Ferri.

«In Basilicata è giunto il momento di rivoluzionare la programmazione culturale, ridefinendo tempi e criteri che guidano l'assegnazione di contributi regionali agli eventi finalizzati alla promozione turistica del territorio. Fino a quando le produzioni storiche e con risultati documentati come il Pollino Music Festival continueranno a non essere valutate come risorse da consolidare, continueremo a navigare a vista, ma proveremo a non abbandonare la nave. Anche se la tentazione di mollare tutto è davvero forte, proponiamo comunque un programma di qualità e siamo ancora qui per salvare il salvabile, per non buttare a mare il duro lavoro degli ultimi 20 anni».

Come sempre, il Pmf non sarà solo musica. Diverse le attività parallele in programma, tra cui escursioni guidate, tree climbing sportivo nel Parco Avventura del Pollino di Bosco Magnano e la visita all'opera «RB Ride» dell'artista belga Carsten Holler, una gigantesca giostra posizionata sulla cima di una collina a pochi chilometri da S. Severino Lucano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400