Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 07:39

Oleodotto Viggiano, s'alza la «fiaccola»: nessun danno

VIGGIANO (POTENZA) – La "fiaccola di sicurezza del Centro Olio Val d’Agri di Viggiano (Potenza) dell’Eni si è attivata stamani generando per circa un’ora con intensità decrescente una maggiore visibilità della fiaccola stessa rispetto alle normali condizioni operative nel corso delle quali la fiamma pilota è pressochè invisibile".
Oleodotto Viggiano, s'alza la «fiaccola»: nessun danno
VIGGIANO (POTENZA) – La "fiaccola di sicurezza del Centro Olio Val d’Agri di Viggiano (Potenza) dell’Eni si è attivata stamani generando per circa un’ora con intensità decrescente una maggiore visibilità della fiaccola stessa rispetto alle normali condizioni operative nel corso delle quali la fiamma pilota è pressochè invisibile".

Lo ha reso noto l’Eni, spiegando che “l'innalzamento, alle ore 7.45, è stato provocato da un blocco momentaneo di una delle turbine dell’impianto" e che “il centro olio ha operato e continua ad operare in condizioni di completa sicurezza". I tecnici della compagnia petrolifera hanno "prontamente attivato i canali di comunicazione previsti dalle procedure, informando tempestivamente tutti gli enti e le autorità interessate, a partire dai sindaci".

L'Eni ha confermato che "il convogliamento della piccola quantità aggiuntiva di gas metano in fiaccola non ha comportato alcun pericolo per le persone nè alcun impatto sull'ambiente circostante. A titolo di esempio – è scritto in una nota – il valore massimo di concentrazione di SO2 registrato dalle centraline di monitoraggio della qualità dell’aria nelle tre ore a cavallo dell’evento è stato di sei microgrammi per metro cubo, rispetto a un limite di legge di 350 microgrammi per metro cubo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione