Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 21:07

Musica, natura e sapori tra due parchi lucani

di PIERO MIOLLA
CASTELSARACENO (POTENZA) - Uno strumento di sviluppo turistico legato alla valorizzazione ed alla promozione del patrimonio culturale lucano. Nasce con questi obiettivi il «Festival dei due Parchi», in programma a Castelsaraceno dall’8 al 10 agosto. La manifestazione, giunta alla quarta edizione, è organizzata dalla Pro Loco, in collaborazione con il Comune
Musica, natura e sapori tra due parchi lucani
di PIERO MIOLLA

CASTELSARACENO (POTENZA) - Uno strumento di sviluppo turistico legato alla valorizzazione ed alla promozione del patrimonio culturale lucano. Nasce con questi obiettivi il «Festival dei due Parchi», in programma a Castelsaraceno dall’8 al 10 agosto. La manifestazione, giunta alla quarta edizione, è organizzata dalla Pro Loco, in collaborazione con il Comune di Castelsaraceno, centro del potentino con 1.468 abitanti posto a cavallo tra il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano ed il Parco Nazionale del Pollino: il nome alla manifestazione, evidentemente, deriva proprio da questa particolare collocazione geografica.

Il programma 2014 del festival, evento musicale di punta nei territori a cavallo tra i due parchi, propone tre giornate (8, 9 e 10 agosto) di educazione ambientale diretti dai Ceas Pollino, Viggiano e Lago Montecotugno, in programma nel piazzale Montessori, vicino all’edificio scolastico. Il clou del Festival è in programma l’11 agosto alle 20, nel campo sportivo comunale, con il concerto della Bandabardò, preceduta dai «Pozzo di San Patrizio» a fare da apripista. La Bandabardò è un gruppo fiorentino di rock e folk, principalmente acustico, il cui nome è un omaggio a Brigitte Bardot. Nata l’8 marzo 1993 su iniziativa di Enrico “Erriquez” Greppi, cantante franco-lussemburghese-fiorentino, che riesce a convincere Alessandro Finazzo (detto Finaz), virtuoso chitarrista elettrico, a buttare via ogni amplificatore e a fondare una band che proponesse canzoni da cantare tra amici, la band riesce a trasportare sul palco la stessa atmosfera delle suonate tra amici, cominciando un tour in Italia e Francia suonando per locali e anche per strada. Il primo album, «Il circo mangione » esce nel ‘96 ed ottiene un ottimo successo, vincendo anche il Premio Ciampi. Il successo è confermato col secondo album, «Iniziali Bì-Bì», seguito a ruota da un live in edizione limitata, Barbaro tour. Ma è con «Bondo! Bondo! », nel 2002, che la band ottiene un successo internazionale con un tour in Spagna, Francia e Svizzera.
La Bandabardò collabora con i «Modena City Ramblers» nell’album «Appunti partigiani » del 2005, con il brano i Ribelli della Montagna. Il 1º settembre 2006 segna il ritorno discografico della band fiorentina con la raccolta Fuori Orario che, a sorpresa, riceve un ottimo riscontro: primo nelle classifiche dei punti vendita indipendenti e settimo nelle grandi catene. Più recentemente invece sono usciti «Allegro ma non troppo», «Sette x uno» «Scaccianuvole». A Castelsaraceno il concerto dalle Bandabardò costerà 10 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione