Cerca

Alcol, gioco, droga i veri nemici dei lucani

di GIOVANNA LAGUARDIA
POTENZA - Alcol e gioco d’azzardo sono le nuove facce della dipendenza in Basilicata, che acquistano un peso sempre maggiore tra gli utenti dei Sert, accanto alla più «tradizionale» dipendenza da sostanze stupefacenti. È quanto emerso ieri mattina dal rapporto 2014 (dati relativi al 2103) sugli utenti dei Sert, presentato ieri mattina a Potenza
Alcol, gioco, droga i veri nemici dei lucani
di GIOVANNA LAGUARDIA

POTENZA - Alcol e gioco d’azzardo sono le nuove facce della dipendenza in Basilicata, che acquistano un peso sempre maggiore tra gli utenti dei Sert, accanto alla più «tradizionale» dipendenza da sostanze stupefacenti. È quanto emerso ieri mattina dal rapporto 2014 (dati relativi al 2103) sugli utenti dei Sert, presentato ieri mattina a Potenza nella sala Basento della Regione, nel corso della riunione di insediamento dell’Osservatorio regionale sulle dipendenze. In base ai dati raccolti a livello regionale, che andranno poi a costituire, insieme a quelli delle altre regioni, le basi per la redazione del rapporto nazionale sulle tossicodipendenze, Nel 2013 sono state complessivamente 2.256 le persone che si sono rivolte ai Sert della Basilicata, di cui 2.021 uomini e 235 donne: 1.584 per tossicodipendenza, 578 alcoldipendenti, 72 giocatori d’azzardo patologico e 22 tabagisti.

La maggioranza, come si vede, pende ancora dalla parte della tossicodipendenza (prevalentemente eroina), ma, come si legge nel rapporto «il fenomeno del gioco d’azzardo patologico è in tumultuosa espansione», mentre per quanto riguarda l’alcolismo si assiste ad un aumento della percentuale di donne che si rivolgono ai Sert.
«È un quadro certamente preoccupante - ha commentato l’assessore regionale alla Sanità Flavia Franconi - che comunque rientra nei canoni dell’epidemiologia nazionale ed internazionale. I fenomeni di dipendenza restano più diffusi tra gli uomini, ma per l’alcolismo e il tabagismo si assiste anche ad un progressivo aumento delle donne. Il problema è che sono ancora troppo poche le donne che si rivolgono ai Sert per motivi di alcol dipendenza, perché spesso le donne che bevono lo fanno di nascosto e se ne vergognano, quindi per intercettare i loro bisogni occorerrà modificare le modalità di accesso ai Sert. Il gioco d’azzardo in Basilicata è in grande espansione, così come purtroppo sta accadendo in tutto il territorio italiano. I Srert in basilicata funzionano come funzionano in media nel resto d’Italia ma è ovvio che si può sempre migliorare, soprattutto in rapporto alle nuove dipendenze, come appunto la ludopatia, per le quali non esistono ancora percorsi terapeutici accreditati e quindi occorrerà andare avanti attraverso protocolli pilota».

Resta molto basso, invece, il numero di persone che si rivolge ai Sert per problemi di tabagismo, probabilmente non perché i fumatori incalliti siano in diminuzione, ma più perché il tabagismo spesso non viene percepito come una vera malattia. «Questi dati ovviamente - ha precisato l’assessore Franconi - sono relativi ai ricoveri dei Sert e non fotografano l’intera popolazione regionale».

Il rapporto presentato ieri è il secondo consecutivo che viene redatto per il territorio lucano. Quest’anno, dunque, è stato possibile fare un confronto, dal quale traspare una piccola diminuzione dei casi trattati. Nel 2013 l’utenza annuale dei Sert della Basilicata è diminuita di 20 unità, passando da 2276 a 2256 persone. I nuovi utenti tossicodipendenti in carico ai servizi regionali è stato di 212 (184 uomini e 28 donne) contro i 263 del 2012 (238 uomini e 25 donne) facendo registrare un decremento di 51 unità (-19,4%). I nuovi utenti diminuiscono anche tra gli alcoldipendenti: nel 2013 si sono registrati 118 nuovi ingressi contro i 125 del 2012 (-5,6%), mentre un forte incremento di nuovi utenti si segnala tra i giocatori d’azzardo: 72 utenti totali contro i 22 del 2012 e 46 nuovi utenti nel 2013 contro i 10 del 2012 con un incremento del 227,3% sul totale e del 360% sui nuovi utenti assoluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400