Cerca

Potenza

Giunta De Luca, il Pd
congela il vice sindaco

comune potenza

ANTONELLA INCISO

POTENZA - La priorità non è più assegnare il ruolo di vice- sindaco. Conta centrare l’obiettivo: arrivare alla sintesi, trovare l’unità. Nei giorni in cui da più parti si ipotizzava il varo del De Luca bis, la «maledizione del Monopoli» è tornata ad aleggiare sull’amministrazione comunale del capoluogo. Più che il giorno della Befana sono in molti ad ipotizzare che per una soluzione definitiva si dovrà attendere almeno il 10 gennaio, forse anche la metà del mese. In ogni caso, il ritorno dei big del Pd dalle vacanze. Nell’attesa, però, se le trattative sono ad un punto di stallo, gli incontri e le riunioni vanno avanti. Concretizzandosi in una nuova ipotesi, lanciata sul tavolo della discussione, dal maxi -correntone renziano. L’ipotesi è quella di «congelare», almeno per il momento, l’incarico di vice- sindaco, diventato la vera e propria «spina nel fianco» della discussione di questi ultimi tempi. Sì ,congelarlo. Non assegnarlo né ad esponenti dem né ad esponenti politici di altri partiti. Insomma, secondo quanto emerso da alcune interlocuzioni, il progetto è quello di non avere, per il momento, nessun assessore con l’incarico di vice- sindaco. Una strada che taglierebbe, da un lato, le intenzioni di Iudicello e Falotico, dall’altra ,quelle di Gerardo Bellettieri, nominato vice in quota Fratelli d’Italia ed ora, dopo la sfiducia del partito al sindaco, diventato un uomo di De Luca.


Né al Pd né agli altri: questa l’indicazione venuta da ambienti renziani, che, però, secondo più di qualche parere potrebbe rivelarsi inutile se le trattative si collegheranno agli scenari della giunta regionale ed alla segreteria del partito. Insomma, a tutto il quadro dem in discussione alla ripresa della pausa natalizia. Intanto, se i nodi dem continuano ad essere intricati sull’orizzonte del governo cittadino si aprono altri fronti. Come quello legato alla norma dello Statuto che prevede quattro donne in giunta. Un tema che molti sembravano voler evitare e che, invece, rischia di diventare una vera e propria «bomba» (con tanto di ipotesi ricorso al Tar) sul governo della città.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400