Domenica 22 Luglio 2018 | 16:50

Sanitopoli in Basilicata

Le raccomandazioni al «regista», così il governatore guidava la sanità

Il ruolo di regista del governatore lucano emerge, a giudizio degli investigatori, in tutte le scelte della sanità. Ad esempio nel concorso per un dirigente amministrativo per il Crob di Lagonegro, vinto da Lucia Esposito, ex senatore del Pd, «persona molto vicina - secondo il gip - al governatore campano De Luca»

Sisma,  consiglieri e assessorisi «tagliano» stipendio di 500 euro

BARI - C’era un medico di Potenza, Vincenzo La Regina, che nel 2013 si era candidato alle Regionali in una lista riconducibile al governatore Marcello Pittella. E che aspirava a un posto da direttore sanitario «in Puglia, in Basilicata o in Calabria». La Procura di Matera ha valorizzato questo episodio (che di per sé non ha valenza penale) per dimostrare come, al centro di tutto, ci fosse Pietro Quinto. È a lui che La Regina si rivolge nell’aprile 2017 per ottenere ciò che la politica non gli ha concesso, evidentemente - annota il gip - «individuandolo non solo come soggetto influente nella sanità, lucana e non, ma anche come fiduciario dell’attuale governatore». La risposta di Quinto è che bisogna rivolgersi «a Marcello», perché lui - Quinto - «nulla fa se non con il placet di Pittella»: lui «lo coinvolge sempre».

Il ruolo di regista del governatore lucano emerge, a giudizio degli investigatori, in tutte le scelte della sanità. Ad esempio nel concorso per un dirigente amministrativo per il Crob di Lagonegro, vinto da Lucia Esposito, ex senatore del Pd, «persona molto vicina - secondo il gip - al governatore campano De Luca», in quanto ex consigliera regionale e responsabile . Un altro concorso che - secondo l’accusa - potrebbe avere più vincitori, perché la Esposito sarebbe in procinto di approdare per mobilità a Salerno. «Il problema è questo, che Marcello ha detto che c’è un’esigenza qua», dice in una intercettazione il presidente della commissione esaminatrice Giovanni Chiarelli (finito ai domiciliari): ovvero, oltre la Esposito, anche una dirigente del ministero della Salute, Maria Carmela Varasano, anche lei probabilmente interessata a un posto fuori regione, lasciando così il posto a una collaboratrice amministrativa già in servizio presso lo stesso Crob.

Ma l’apice si sfiora per il concorso a 9 posti di impiegato per le categorie protette. Ed è Maria Benedetto, direttore amministrativo dell’Asm, che il 9 maggio 2017 si sfoga con la sua segretaria: «Ci sono un paio di casi proprio non recuperabili, uno è bianco». E «quelli in verde... strisce verdi... sono... Pittella». La Benedetto è chiamata a mediare tra i risultati veri del concorso e le varie raccomandazioni, che impongono di intervenire sulle graduatorie: «Questo non è un grande problema... il problema è questo, è questo, pure questo è... Per esempio uno di questi con questo aumenta, però se io questo lo devo far salire o se questo». Tanto che alla fine la donna è costretta a chiedere direttive a Quinto: «Mi spieghi tu quale... In che condizione mi trovo... vedi non è proprio una fotografìa». È proprio per questo, probabilmente, che la Benedetto viene convocata a casa di Pittella, a Lauria, «per ricevere direttive direttamente dal governatore in merito ai soggetti da lui raccomandati», scrive il gip. «Io Lauria non so manco dove sta. Io non sono mai andata», dice la Benedetto. Poi però l’incontro si tiene, e Quinto vuole sapere come è andato. «Quindi ieri tutto a posto, no?». «Sì, poi ti spiego nel dettaglio». «Sì, ma dico... ma c’era pure lui, no?». «Sì, sì, sì», «Ma tutto tranquillo o ha detto...». «Qualche... qualche correttivo, insomma». «Sì sì sì, però già andava bene più o meno?». «Più o meno sì».

m.s.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Marchionne, le 3 viste a MelfiSindacati divisi sul giudizio

Marchionne, le 3 viste a Melfi
Sindacati divisi sul giudizio
Maldarizzi: conosceva a memoria i prezzi dei concorrenti

 
Scontro con la moto in Cilento: muore un 24enne di Maratea

Scontro con la moto in Cilento: muore un 24enne di Maratea

 
Potenza, blitz nella notte: spuntaun ripetitore. «Non è autorizzato»

Potenza, blitz nella notte: spunta un ripetitore. «Non è autorizzato»

 
Melfi, un 23enne incensuratoarrestato per spaccio di droga

Melfi, un 23enne incensurato
arrestato per spaccio di droga

 
Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS